Recentemente il cardinale statunitense Raymond Leo Burke ha deciso di rompere i legami con Steve Bannon e ha lasciato la presidenza onoraria dell'Istituto Dignitatis Humanae, organizzazione d'ispirazione cattolico-conservatrice. La motivazione ufficiale dell'abbandono di Burke è stata spiegata dallo stesso porporato in un post su Twitter. Andando maggiormente nei particolari e stando a quanto riporta un articolo pubblicato sul sito web del Giornale, Burke ha sostenuto che l'istituto si fosse ormai totalmente identificato con l'agenda Politica dell'ex consigliere strategico di Trump e fondatore del sito web Breitbart News.

Pubblicità
Pubblicità

Il film di Bannon sull'omosessualità nella Chiesa

Un altro punto di rottura tra Burke e Bannon è relativo a un nuovo film su cui starebbe lavorando lo stesso Steve Bannon. Entrando nei dettagli, si tratterebbe della versione cinematografica di un libro intitolato "Sodoma", in Italia e "In the Closet of the Vatican" a livello internazionale. In tale libro, scritto dallo storico e sociologo francese omosessuale Frederic Martel, si parla della diffusione dell'omosessualità che vi sarebbe nello stesso Vaticano.

Pubblicità

Su Twitter, Burke si è dichiarato decisamente poco d'accordo con la valutazione positiva che Bannon ha dato al libro e inoltre si è detto contrario ad alcune considerazioni che l'ex stratega di Donald Trump ha fatto sulla disciplina e la dottrina della Chiesa Cattolica. Difatti Bannon ha criticato l'obbligo della continenza perpetua riservato agli appartenenti al clero cattolico.

L'ondata populista e sovranista all'interno della Chiesa e il ruolo dello stratega statunitense

Come riportato in un articolo pubblicato sul sito web di Repubblica, da diverso tempo vi sarebbero delle spinte '"sovraniste e populiste" all'interno del mondo cattolico italiano e internazionale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Papa Francesco

Tali spinte sarebbero alimentate da Bannon in opposizione alle politiche portate avanti da Papa Francesco, specialmente nell'ambito dell'emergenza immigrazione e dei rapporti della Chiesa con il mondo islamico. Inoltre lo stesso Bannon ha stretto legami con influenti esponenti della Chiesa legati a una concezione conservatrice e generalmente ostili al Pontefice attuale, considerato come eccessivamente "progressista" e "modernista".

Tra di essi vi sarebbe appunto il cardinale Burke, ma lo stesso porporato ha fatto sapere di non essere mai stato un reale oppositore di Papa Francesco e del suo pontificato.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto