Domenica 24 novembre il movimento delle sardine ha compiuto i suoi primi 10 giorni di vita. Nate a Bologna da un flashmob convocato in rete da alcuni ragazzi per protestare contro le politiche di Matteo Salvini, le sardine sono divenute immediatamente un fenomeno mediatico e social. Gli hashtag a loro collegati hanno spopolato su Twitter, mentre i talk show televisivi hanno fatto a gara per accaparrarsi come ospiti alcuni giovani pesci azzurri. A spiccare di una spanna su tutti per polarità è stato Mattia Santori, capace di tenere testa alle domande dei suoi interlocutori come un consumato politico.

Non sono mancati neanche gli scivoloni, come quello su Bibbiano che sarebbe solo “propaganda”. E qualcuno sul web si è persino spinto a paragonare la sua immagine a quella della defunta rockstar Jim Morrison, mitico leader dei Doors. Ma quanto valgono queste sardine nelle urne? Se lo è chiesto Antonio Noto, direttore della Noto Sondaggi, secondo il quale il movimento, che non è ancore nemmeno tale, avrebbe già un potenziale elettorale del 15%.

I sondaggi politici di Antonio Noto sulle sardine

Antonio Noto, direttore dell’omonimo Istituto di sondaggi, sceglie di pubblicare un articolo online su quotidiano.net per rendere noti i risultati del primo sondaggio ufficiale effettuato per testare le potenzialità elettorali delle sardine.

Noto premette subito che è ancora presto per stabilire se si tratti solo di una “momentanea effervescenza”, oppure se il neonato moto di protesta abbia invece le carte in regola per trasformarsi in un vero e proprio “soggetto politico”. Il dato più importante viene fornito subito, senza troppi preamboli: il potenziale elettorale delle sardine si aggirerebbe in torno ad uno stupefacente 15%. Un movimento orientato a sinistra secondo il 75% degli intervistati.

Il ‘colpo di scena’: il 10% degli italiani le voterebbe certamente

Il successo travolgente delle sardine si deve, secondo Antonio Noto, alla comunicazione vincente che è stata messa in campo, sia sui social che con gli slogan contro Matteo Salvini urlati nelle piazze piene.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Politica Sondaggi Politici

La “contrapposizione” al leader della Lega, spiega il sondaggista, è stato il necessario collante della protesta, come del resto accade durante la nascita di quasi tutti i movimenti politici che hanno bisogno di un nemico da additare. Tuttavia, al momento solo il 22% degli italiani conosce abbastanza bene il fenomeno, il 28% ne ha solo sentito parlare, mentre ben il 40% degli intervistati nei sondaggi non ne sa nulla. La maggioranza, però (il 54%), ritiene che il movimento delle sardine “sia destinato ad estendersi in tutta Italia”.

Comunque sia, in caso di candidatura, si registra un “colpo di scena” perché “il 10% della popolazione dichiara che li voterebbe certamente”. Anche se, come già detto, il loro potenziale si spinge fino al 15%.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto