Franco Gabrielli, nato a Viareggio il 13 febbraio 1960, dal 2 aprile 2015 è nominato prefetto di Roma Capitale. Già direttore del SISDE e dell'AISI, applica la legge Severino e il 9 aprile 2015, il sindaco di Marino (RM), Fabio Silvagni, è arrestato per corruzione e peculato. L'inchiesta Mafia Capitale continua a colpire, e a quanto pare il nome Marino non porta bene al sindaco di Roma.

Ignazio Roberto Maria Marino, nato a Genova, 10 marzo 1955, è un medico e politico italiano, nominato ufficialmente sindaco di Roma il 12 giugno 2013, non nuovo alla carriera di politico, è stato senatore dal 2006 al 2013, è ora al centro del mirino dell'opinione pubblica, a causa delle indagini dell'operazione Mafia Capitale.

Colpevole o innocente?

Certo è che quando una persona entra nel mondo della politica, deve fare i conti con un mondo fatto di persone che non conosci esattamente, persone che dovrebbero essere oneste, perché portate lì a occupare incarichi, da altrettante persone che dovrebbero essere senza peccato. Ormai sovente non è così, puoi trovarti a tua insaputa ad aver a che fare con persone dalla doppia, tripla faccia ed essere incastrato in un sistema che ti fa sprofondare nel baratro del dubbio.

Quando è cominciato questo sistema di corruzione, di malaffare? Non ieri o l'altro giorno, per creare certi sistemi occorre tempo, giorni, mesi, anni, fino a entrare nella consuetudine e tutto diventa normale. Queste vicende sono complesse, e il male approfitta della complessità per meglio celarsi, siamo nella condizione che gli onesti possono apparire disonesti e viceversa.

I migliori video del giorno

Ora il sindaco di Roma, Ignazio Marino è a un bivio, e speriamo che riesca a chiarire come stanno certe cose, ormai è screditato da tanti e a quanto pare dal suo stesso partito il PD, non rimane altro che attendere il giorno venerdì 26, dove nella piazza del Campidoglio dalle ore 18.30 alle 20, incontrerà i suoi sostenitori per un chiarimento, speriamo definitivo (fonte ansa). La situazione è complicata, molto complicata. Siamo tutti in attesa, dove penderà l'ago della bilancia?