Non c'è davvero mai pace per chi utilizza i mezzi pubblici a #Roma. In questo mese di gennaio è infatti previsto un nuovo sciopero dell'Atac che potrebbe mettere in difficoltà non solo chi utilizza i mezzi per gli spostamenti legati al lavoro, ma anche per i tanti turisti che anche in questo mese dell'anno, così come negli altri del resti, sono presenti nella capitale. Non bisogna dimenticare infatti che c'è il Giubileo in corso e quotidianamente migliaia di visitatori sono a Roma per avere l'opportunità di vedere da vicino tutte le meraviglie, monumenti e non solo, che questa città può offrire. Senza poter utilizzare tram, metro e autobus, non resterà loro che armarsi di pazienza e muoversi, quando possibile, a piedi.

Magari in questo modo avranno ancor tempo di approfondire la conoscenza di alcuni luoghi della città.

Sciopero del 28/1: gli orari

Lo sciopero del trasporto pubblico, dicevamo. Cosa c'è da sapere? Quali saranno gli orari nei quali si rischia di rimanere a piedi? Questa protesta riguarda ancora una volta i dipendenti dell'Atac, vale a dire l'azienda di mezzi pubblici più rilevante della città, ed è stata indetta per il prossimo giovedì, ovvero il 28 gennaio. Per fortuna non riguarderà l'intera giornata bensì quattro ore. Ci sarà qualche difficoltà in più nel prendere i mezzi pubblici a partire dalle 10.30 e fino alle 14.30, visto che questo sciopero, che è stato indetto dal sindacato OR.SA., riguarderà non solo tram, autobus e metro, ma anche delle linee ferroviarie che quotidianamente sono molto utilizzate da migliaia di persone, vale a dire la Roma-Lido, la Roma-Viterbo e la Termini-Giardinetti.

I migliori video del giorno

La notizia è stata resa nota anche attraverso il sito internet dell'Atac. Saranno dunque ore difficili soprattutto per i pendolari, tutti quei lavoratori che giornalmente utilizzano i mezzi pubblici per spostarsi dalla propria residenza alla capitale. E che ancora una volta dovranno attendere pazientemente la fine di questa protesta per potersi muovere utilizzando i trasporti pubblici. #Cronaca Roma