È scontro aperto nel #municipio III di Roma tra l'opposizione e l'amministrazione a 5 Stelle guidata dalla presidente Roberta Capoccioni. Il gruppo di Fratelli d'Italia ha infatti annunciato la presentazione di una mozione di sfiducia nei confronti dell'assessore alle politiche sociali nonché vice-presidente del Municipio, Giuseppe Satriano.

La mozione di sfiducia

A scatenare la dura azione, ad appena quattro mesi dalle elezioni che hanno portato a un cambio di guida nel municipio, così come in quasi tutta la città, alcune indiscrezioni di stampa che parlano della realizzazione di un nuovo campo rom nella zona di Montesacro.

Da qui la decisione di Fratelli d'Italia di chiedere spiegazioni ai diretti interessati, nonché l'invito alla presidente Capoccioni a ritirare le deleghe al suo assessore, almeno fino a quando non sarà chiarita in aula la situazione.

"Fratelli d'Italia - spiega il consigliere Emiliano Bono sulla propria pagina Facebook - ha presentato oggi una mozione di sfiducia sull'operato del vice-presidente del Terzo Municipio, in seguito alle notizie di stampa secondo cui l'assessore alle politiche sociali sarebbe delegato de facto dell'assessore capitolino alla gestione delle emergenze rom. Una posizione imbarazzante perché Satriano risulterebbe essere un ex-dipendente di una delle cooperative che da sempre operano nel mondo legato ai #campi rom e al terzo settore in generale". A ciò si aggiunge il fatto che, sempre secondo quanto scrive il consigliere su FB, non sarebbe "chiaro se la struttura sociale diretta da Satriano risieda nel territorio del Municipio".

I migliori video del giorno

A tutto questo si aggiunge anche la preoccupazione per il fatto che "Roma capitale ha indetto un bando per la creazione di un nuovo campo rom in uno dei municipi 15, 3 o 14". "Non possiamo minimamente permettere - conclude Bono - che venga gettata l'ombra sulla trasparenza dell'istituzione municipale". Per questo il gruppo di FdI ha chiesto che si riferisca in aula sulla questione.

I precedenti

Un tema che già in passato aveva fatto molto discutere a Montesacro. Due anni fa, l'unico campo rom presente sul territorio, quello di via della Cesarina era stato chiuso e i residenti  trasferiti a via Visso, nei pressi di via Tiburtina. Quella che sembrava essere una chiusura temporanea per lavori si è quindi trasformata in una decisione fino ad oggi definitiva. Un anno fa lo stesso Municipio era stato interessato da un bando per la creazione di un centro di accoglienza per migranti, iniziativa della quale non si fece poi più nulla a causa della mancanza di requisiti della struttura. Adesso però le indiscrezioni sulla riapertura di un campo rom sul territorio hanno iniziato a destare nuovamente attenzione. #mozione sfiducia