2

L'ormai tristemente noto crollo della palazzina di ponte milvio ha stravolto la circolazione nell'intera area circostante. Via della Farnesina è interrotta all'altezza della chiesa della Gran Madre di Dio e fino a pochi giorni fa, per sbucare su Ponte Milvio, gli automobilisti dovevano salire da via Guglielmo Imperiali di Francavilla e avventurarsi in una via Cassia a dir poco caotica.

Dal 5 ottobre scorso la svolta: via dei Prati della Farnesina è stata resa percorribile verso Ponte Milvio. Questa decisione ha notevolmente agevolato la circolazione verso il centro della città, manca tuttavia un'adeguata segnalazione della modifica dei sensi di marcia. I Vigili Urbani presidiano entrambi gli imbocchi di Via dei Prati della Farnesina, ma la segnaletica stradale è ancora malamente improvvisata o, in larga parte, assente.

Informare i cittadini

Si auspica che, nei prossimi giorni, ai cittadini sia data la possibilità di comprendere meglio i nuovi percorsi. Vi è infatti un'ulteriore novità nella circolazione: via Guglielmo Imperiali di Francavilla è stata resa percorribile solo in discesa e non più a doppio senso.

Una strada, questa, stretta e abbandonata, adesso quasi riportata alla luce dai problemi del traffico di Roma nord. Non si sa se possa essere adeguata come via di accesso per  "il cuore di Ponte Milvio" , ma si è deciso intanto di trovare una soluzione per chi debba andare verso il centro, forse a discapito di chi lavori o abiti al di là della Chiesa della Grande Madre di Dio (rispetto a Ponte Milvio).

La cittadinanza è spaccata tra quanti attendono rassegnati il destino della palazzina di via della Farnesina, ancora indeterminato, e quanti invece protestano animatamente per le numerose problematiche nella circolazione stradale.

I migliori video del giorno

La telenovela non solo va avanti, ma si arricchisce di nuovi, non sempre avvincenti, sviluppi. 

È forse presto per esprimere giudizi sull'operato delle autorità preposte a questa emergenza, vissuta da una delle zone nevralgiche della città. Tuttavia una certa confusione di organizzazione e prospettive, non difficilmente riscontrabile, sta accrescendo il senso di smarrimento dei residenti che non riescono a comprendere fino in fondo quale sia l'interlocutore adeguato per le loro istanze.