Nell'uomo il progressivo declino si manifesta al termine dello sviluppo, cioè dopo i 30 anni, quando le membrane delle cellule nervose cominciano a perdere concentrazione in acidi grassi polinsaturi della serie n-6 ed n-3; a tale diminuzione si aggiunge un incremento del contenuto di acidi grassi saturi e di colesterolo.

Come combattere l'invecchiamento?

E' noto che i geni determinano le grandi differenze di longevità nelle diverse specie.

Tuttavia studi sui gemelli monozigoti hanno dimostrato che tali fattori contano poco nel determinare le disuguaglianze d'invecchiamento tra i singoli individui, più in dettaglio intorno al 30%. Molto più - ben il 70% - dipende dalle scelte dello stile di vita e dalle loro conseguenze sui meccanismi di omeostasi cellulare. Le malattie principali legate all'età sono: infarto, ictus, neoplasie, diabete ecc.

Diversi studi epidemiologici, tra cui alcuni grandi studi controllati randomizzati, hanno dimostrato tassi di sopravvivenza più alti tra gli individui con elevata assunzione di acidi grassi omega-3. Numerosi studi scientifici, inoltre hanno evidenziato che le donne, notoriamente più longeve degli uomini, hanno livelli epatici e plasmatici più elevati di acido docosaesaenoico.

Un recente studio pubblicato dalla rivista Journal of American Medical Association ha dimostrato che quantità elevate di acidi grassi nel sangue sono associate a una maggiore lunghezza dei telomeri, le sequenze di DNA poste alla fine dei cromosomi, che si accorciano con il passare dell'età.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Corretta Alimentazione

Il meccanismo alla base di questo processo non è ancora noto, si suppone che potrebbe basarsi sulla diminuzione dello stress ossidativo, come nel caso degli antiossidanti e le vitamine o un'azione diretta sulla telomerasi, enzima che garantisce il mantenimento della struttura terminale dei telomeri.

Cosa mangiare?

Che vi sia una stretta correlazione tra malattie e dieta è cosa nota da qualche tempo: studi a riguardo hanno riscontrato che nei paesi come l'Italia la mortalità per coronaropatie è molto vicina a quella delle popolazioni orientali (Cina e Giappone) come in tutti i paesi mediterranei, pur consumando un introito, di acidi grassi saturi analogo ad altri paesi ad alto reddito.

Queste popolazioni, a mio avviso, hanno in comune: la moderata assunzione di cibo, preferiscono il pesce alla carne e mangiano abbondante frutta e verdura. E' stato dimostrato come cambiamenti nel tipo di acidi grassi nella dieta siano in grado di indurre modifiche nel profilo dei fosfolipidi e nei livelli di colesterolo della membrana plasmatica delle cellule. In particolare gli omega 3 come l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA) sono contenuti nel pesce grasso come il salmone, sgombro, pesce spada, acciuga e trota, ma anche nei semi ed olio di lino, noci e cereali, vegetali a foglia verde, alcune leguminose come i fagioli, i piselli, la lenticchia i ceci e soprattutto la soia, le alghe e l'olio algale.

Concludendo, lo studio dei fenomeni alla base dell'invecchiamento può aiutare l'uomo ad avere una vita migliore e a prevenire malattie correlate con l'avanzare dell'età.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto