Un cerotto "intelligente" in grado di tenere sotto controllo i livelli di zucchero ed intervenire quando superano una determinata soglia. La nuova invenzione è frutto di una ricerca degli studiosi dell'Università del North Carolina e della Nc State. Qui è stato realizzato l'innovativo cerotto che, una volta in commercio, permetterà a tutte le persone affette da diabete di essere costantemente sotto cura, senza dover ricorrere necessariamente a fastidiose punture.

Grazie a dei microaghi, il cerotto frena aumento di zuccheri nel sangue

Gli studiosi assicurano che il rivoluzionario prodotto è in grado di constatare quando, nel sangue, si registra un eccessivo aumento di zuccheri. A questo punto, il cerotto, dotato di microaghi indolore, se necessario, libera nel sangue delle dosi di insulina. All'interno dei microaghi ci sono sia insulina che enzimi sensibili al glucosio, pronti ad entrare in azione ogni qualvolta si registra una quantità pericolosa di zuccheri nel sangue del paziente.

Dal centro di ricerca statunitense tranquillizzano sulla composizione dei microaghi che, non solo non procurano alcun dolore né senso di fastidio, ma sono anche realizzati con materiali biocompatibili, quindi senza alcun grado di tossicità. La nuova cura può essere personalizzata in base al peso e alla sensibilità all'insulina di ciascun paziente.

La sperimentazione su cavie funziona, ora serve adattare il cerotto all'uomo

La ricerca scientifica, finora, è stata effettuata su delle cavie che hanno fatto registrare dei risultati eccellenti. I microaghi contenuti all'interno del cerotto sono stati realizzati ricorrendo ad acido iarulonico e sono abbastanza rigidi da forare la pelle, senza però arrecare alcuna forma di dolore. Prima di mettere in commercio la nuova invenzione per curare il diabete senza iniezioni, gli studiosi dovranno adattarla alle esigenze umane ed effettuare ulteriori test, ma i ricercatori sono piuttosto ottimisti e pronti a scommettere che presto il cerotto "intelligente" sarà a disposizione di tutte le persone affette da diabete

Segui la pagina Scienza
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!