Le scelte che facciamo a tavola sono condizionate dai colori. Questa conclusione giunge da uno studio effettuato dal sissa di Trieste e pubblicato su Science Reports. Il nostro cervello è attratto principalmente dai cibi rossi e tende a preferirli a quelli di colore verde. Un esempio pratico? I bambini che rifiutano di mangiare la verdura. Si tratta di una percezione in codice, che fa scattare una reazione automatica quando ci troviamo a tavola.

Il cervello preferisce i cibi rossi - Il sistema visivo degli esseri umani percepisce numerose sfumature, ma ha una particolare abilità nel distinguere il rosso al verde.

Questa predilezione dimostrata dallo studio portato avanti a Trieste viene anche spiegato con l'esempio degli uomini primitivi che distinguevano le bacche rosse dal fogliame verde ed erano attratti dalle prime, nutrendosene. Questa ricerca è stata condotta su un gruppo di 68 persone, che sono risultati più attratti dai cibi rossi, definiti più nutrienti, rispetto a quelli di colore verde.

I cibi che più ci attraggono - Lo studio della Sissa (Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati) di Trieste, nello specifico di Francesco Foroni, Giulio Pergola e Raffaella Rumiati, spiega perché siamo così attratti dai cibi di colore rosso che si trovano sulle nostre tavole. Pizza, patatine con il ketchup, pasta al sugo o una succosa mela rossa sono captati in maniera differente dal nostro cervello, specie se paragonati con i cibi verdi, insalata o spinaci ad esempio, che non ci fanno venire l'acquolina in bocca.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Corretta Alimentazione

Le dichiarazioni della Rumiati - Cervello, cibo e colori hanno una relazione che li lega alla nostra alimentazione, o meglio, alla tendenza di nutrirci di una serie di alimenti rispetto ad altri. La relazione col passato è servita: il nostro sistema visivo ricerca la sostanza più nutrienti e i cibi rossi tendono ad essere più calorici di quelli verdi. "La raffinatezza raggiunta da questo nostro senso testimonia il fatto che siamo ‘animali visivi’.

È soprattutto il colore degli alimenti a guidarci e i nostri esperimenti finalmente mostrano come" ha dichiarato Raffaella Rumiati del Sissa.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto