Delicato intervento chiurgico a Torino, dove una equipe medica ha effettuato un'operazione di ricostruzione del pene. Sotto i ferri un paziente che si era sottoposto ad un precedente intervento in cui l'organo genitale gli era stato amputato. L'intervento di rimozione si era reso necessario a causa di una massa tumorale che aveva intaccato la zona pubica negli anni precedenti. L'intervento di ricostruzione, invece, ha avuto una durata di circa otto ore, durante le quali i medici hanno estratto un lembo di pelle dall'avambraccio sinistro del paziente per potergli ricostruire il pene.

Secondo le dichiarazioni raccolte, l'uomo si era sottoposto ad un intervento invasivo e rischioso circa cinque anni prima, quando una massa tumorale non indifferente aveva trovato "agio" sulle sue parti intime. Accettare una situazione simile non è certo facile, né tanto meno lo è riuscire a trovare il coraggio di rivolgersi ad uno specialista, ma alla fine per lui è stato fondamentale il totale supporto della famiglia.

L'uomo, 40 anni all'epoca della prima operazione e residente nel nord Italia, ha trovato il coraggio di superare le proprie paure ed il proprio imbarazzo per parlare con un medico e riuscire finalmente a curarsi.

Tumore al pene, i medici lo amputano

La situazione era più tragica del previsto ed i medici hanno dovuto intervenire il più velocemente possibile per riuscire ad asportare la massa tumorale. Un'operazione delicata e lunga che ha avuto il suo prezzo: l'amputazione quasi totale del pene.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

La vita dell'uomo era cambiata drasticamente e la sua mascolinità stava lentamente svanendo, fino a quando non è riuscito a trovare, grazie all'aiuto della sua famiglia, un'equipe medica in grado di ricostruirgli il membro. Recatosi all'ospedale Molinette di Torino, dopo cinque anni dalla prima operazione, si è sottoposto ad un intervento della durata di otto ore, durante il quale i medici sono riusciti a ricostruire ciò che gli era stato amputato anni prima.

Una ricerca resa necessaria per non cadere in depressione e che, dopo anni, lo ha portato alla realizzazione del suo sogno: i medici sono riusciti a ricostruirgli il pene utilizzando un lembo di pelle asportata dal braccio sinistro del paziente. 'A distanza di due mesi' - dichiara Paolo Gontero, chirurgo - 'ci possiamo ritenere più che soddisfatti di com'è andata l'operazione, adesso non resta che attendere qualche altro mese per potere impiantare una pompa idraulica e donare nuovamente all'uomo una vita sessuale attiva e normale'.

Questi sono i progetti per il futuro: riuscire a restituire al paziente ciò che gli era stato tolto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto