Dopo lo show in California, spettacolo, emozioni e caos sul più famoso circuito automobilistico al mondo, per l'occasione ridotto a 1,765 m con 12 curve. I primi quattro piloti sulla griglia di partenza sono Buemi, Di Grassi, D'Ambrosio e Piquet. Confermando i pronostici che assegnano il 90% di probabilità di vittoria a chi parte in pole position sullo stretto circuito cittadino, con una bella partenza il pilota della e-dams Renault si tiene dietro il gruppo degli inseguitori che si scatenano in una battaglia all'ultima carenata sin dalla prima curva.

Daniel Abt e Nico Prost entrano in contatto ruota contro ruota e, mentre percorrono la parte di pista che porta all'uscita del tunnel Abt finisce schiacciato contro la parete.

Mentre la vettura striscia contro la barriera, Bruno Senna, senza spazio a disposizione, tampona l'Audi che gli si è parata davanti e prende il volo prima di schiantarsi sulla pista bloccandola. Le vetture dietro fanno una bella ammucchiata di tamponamenti e accavallamenti a catena con danni vari per le monoposto e la gara viene sospesa al primo giro.

Alla ripartenza Buemi e Di Grassi prendono la testa staccandosi dal gruppo, mentre Nelson Piquet Jr supera Jerome D'Ambrosio per il terzo posto.

All'avvicinarsi del pit stop Di Grassi, con una scelta strategica aggressiva, si ferma un giro prima del previsto, pensando di rubare poi la prima posizione. Dopo la sosta al giro successivo Buemi riesce invece ad uscire dai box proprio davanti a Di Grassi e resiste al suo attacco alla prima curva.

In seguito è gara facile per Buemi che con una tattica accorta e attenta tiene dietro di Grassi obbligato a fare i conti con la minore energia a disposizione a causa del cambio vettura anticipato.

A sua volta Di Grassi, in seconda posizione, deve difendersi dall'attacco insistito di Piquet che, con maggiore energia disponibile, ha ricevuto l'ordine dal suo box di attaccare a fondo sfruttando anche l'extra potenza datagli dal FanBoost.

E' battaglia aperta fra i due piloti con Piquet che quasi tampona di Grassi ma le posizioni restano invariate sino alla fine. Anzi, Piquet deve a sua volta difendersi dall'arrembaggio di Sam Bird in grande rimonta. Dietro di loro D'Ambrosio finisce quinto. Prost è sesto guadagnando punti preziosi per mantenersi nella rosa dei potenziali vincitori del titolo.

La monomarca Spark Renault in dotazione a tutti i team ha dimostrato ancora una volta la sua robustezza e costituisce una solida base di sviluppo per le monoposto personalizzate di cui i team potranno dotarsi a partire dal prossimo anno.

Classifica finale: Sebastien Buemi del team e-dams Renault precede nell'ordine il brasiliano Lucas Di Grassi, Audi Sport ABT, e l'altro brasiliano Nelson Piquet Jr su NEXTEV TCR (così si chiama ora il team China Racing). I due punti per il giro più veloce sono appannaggio di Jean-Eric Vergne

Classifica piloti: Lucas Di Grassi, 93 punti, e Piquet, 89, consolidano la prima e seconda posizione, mentre Buemi, con i 25 punti della vittoria e altri 3 punti per la pole, si installa al terzo posto con 83 punti superando Nicolas lasciando a Nicolas Prost il quarto posto a 77.

Con 4 gare ancora a disposizione il campionato è più che mai aperto.

Classifica per scuderie: e-dams Renault (160 punti), Audi Sport ABT (115), e Virgin Racing (94) mantengono le prime tre posizioni, mentre NEXTEV TCR si insedia al 4° posto con 93 punti superando il team Andretti.

Prossimo Gran Premio a Berlino il 23 maggio 2015.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto