Dopo tanto parlare ecco il primo caso di doping tecnologico. Ai Mondiali di ciclocross in svolgimento in Belgio è stata scoperto il primo caso di bicicletta truccata con un motorino elettrico. Si tratta della bici di Femke van den Driessche, diciannovenne belga in lizza per la gara riservata alle under 23. E’ il primo passo verso una vera lotta al doping tecnologico, grazie all’introduzione di un nuovo test che può verificare la regolarità delle bici con più efficacia.

La bicicletta dello scandalo

La notizia di questo clamoroso caso di bicicletta a motore è stata confermata dal presidente della Federazione Internazionale, Brian Cookson, durante una conferenza stampa. “Non è un segreto che è stato trovato un motore, crediamo davvero che si tratti di doping tecnologico” ha dichiarato Cookson dal Belgio, dove si stanno svolgendo i Mondiali di ciclocross “A tutte le persone che vogliono imbrogliare abbiamo mandato un messaggio chiaro” ha concluso il presidente.

Femke van den Driessche avrà così il poco nobile primato di essere la prima atleta a subire una squalifica per aver usato una bicicletta motorizzata. La ragazza belga ha partecipato ieri alla gara delle under 23, ma ha concluso a piedi dopo aver avuto dei problemi meccanici nell’ultimo giro. Subito dopo la gara sono scattati i controlli alle biciclette ed è stato subito chiaro che in quella della ragazza belga qualcosa non andava.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

Ma dopo le voci che si sono rincorse per tutto il sabato sera, solo nella mattinata di domenica si è avuta la conferma ufficiale di questo caso di doping tecnologico. La van den Driessche rischia ora una squalifica di almeno sei mesi, oltre ad una multa di almeno 20.000 franchi svizzeri.

Negli ultimi mesi la Federazione ha spinto molto per perfezionare i test cui sono sottoposte le biciclette per verificare la presenza di motorini.

Il nuovo test che è entrato in funzione da poco è molto più preciso, semplice ed affidabile e promette di risolvere una volta per tutte questo problema che tanto ha fatto discutere negli ultimi anni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto