Tutto pronto per il big mach dello Juventus Stadium tra Juve e Napoli, dell'undicesima giornata si Serie A:le squadre devono fare a meno però di due pezzi da novanta,Paulo Dybalaper i bianconeri e Arkadiusz Milikper la squadra partenopea. Non mancherà inveceGonzalo Higuain,che per la prima volta sfida sfida i suoi ex compagni di squadra con la maglia bianconera. Con la Roma a meno due, la Juvenon può sbagliare, ma ilNapolicome negli scorsi anni c'è, e tenterà in tutti i modi di rimettersi in carreggiata, provando a fare lo sgambetto alla signora.

Sarà la volta buona per "il Pipita" ?

Sin ora Gonzalo Higuian ha realizzato sette gol nelle prime tredici gare con la maglia della vecchia signora, ma dopo il ritiro con la nazionale Argentina si è bloccato, rimanendo a secco per ben tre gare: non da lui, dato che eravamo abituati a vederlo segnare con una media di almeno un gol a partita; tuttavia, questa sera per Gonzalola fame di gol si fa più forte ed a pagarne le spese chissà se sara proprio la sua ex squadra, ilNapoli.

I precedenti tra le due squadre e probabili formazioni

L'anno scorso la Juve perse all'andata allo Stadio San Paolo per 2-1, con il primo gol firmato da Lorenzo Insigne e il raddoppio di Higuain,detto "il pipita"; al ritorno però, proprio allo Stadium era stata la squadra del tecnico bianconeroMassimiliano Allegriad imporsi, battendo 1-0 la squadra di misterSarri,grazie alla rete di Simone Zaza.

Allegridovrà fare a meno di due attaccanti,Dybala e Pjaca,mentre l'allenatore napoletano non può ancora fare affidamentosulla sua punta di peso rimasta,Manolo Gabbiadini,che dovrà finire di scontare la squalifica. LaJuvedovrebbe scendere in campo con il modulo 3-5-2, con Buffon in porta, linea difensiva formata da Barzagli, Bonucci, Chiellini, Lichtsteiner, mentre in cabina di regia agiranno khedira, Hernanes, Pjanic, Alex Sandro con Higuain, Mandzukic.

Sarri dovrebbe affidarsial modulo del 4-3-3, con Reina trai pali Hisaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; a centrocampo giocheranno Allan,Jorginho,Hamsik, mentre davanti non rimane che affidarsi all'attacco leggero con Callejon, Mertens e Insigne. Non ci resta che attendere, perché questa sarà densa di colpi di scena.