Rubata la medaglia d’oro vinta alle Olimpiadi di Rio De Janeiro da Daniele Garozzo. Il fiorettista italiano, in forza a Frascati Scherma, è stato derubato del prezioso trofeo sul treno Roma/Torino mentre dormiva. Un trofeo che il movimento della scherma Italiana aspettava di riconquistare da vent’anni e che in pochi secondi è andato perso. “Spero me la restituiscano: mi sarebbe piaciuto un giorno mostrarla a mio figlio”, sono state le prime parole del campione Olimpico siciliano a Repubblica.

L'appello su facebook

Oggi, a mente fredda, Garozzo scrive anche un lungo post su Facebook per lanciare un appello al ladro: “Non è stato un bel risveglio su quel treno. E la delusione è stata fortissima. La medaglia era custodita in uno scrigno e chi l'ha presa avrà creduto di mettere le mani su qualcosa di materialmente prezioso. Per me lo era perché la medaglia aveva il sapore di un percorso portato a termine, un ricordo da condividere negli anni.

Ma io sono un "ansioso" ottimista e quindi guardo al futuro e alle altre medaglie che spero di poter conquistare...e quindi non è successo niente di grave se non il furto in se stesso. Se poi me la volessero restituire la rimetterei nel posto dove è giusto che sia...sul comodino vicino al mio letto”.

La speranza che il ladro si ravveda è tanta. Anche perché, conti alla mano, una medaglia d’oro non vale poi molto.

Da cento anni a questa parte, infatti, la quantità di metallo prezioso usata per coniarle è veramente esigua. Mentre il valore per gli atleti è inestimabile.

Garozzo non è il primo atleta derubato di un trofeo. E’ capitato a tanti prima di lui. Furti su commissione come quello all’ex numero 1 del tennis mondiale Pete Sampras che si è visto portare via la maggioranza dei trofei vinti in carriera mentre stava giocando un torneo per vecchie glorie lontano da casa.

Ma in alcuni casi il furto è legato al caso. Come quello all’ex canoista Joe Jacobi: un ladro gli sfonda il vetro dell’auto e tra gli oggetti arraffati prende anche un astuccio. Dentro c’è la sua medaglia d’oro vinta 24 anni prima. Perché era sul cruscotto della macchina e non a casa? Perché per Jacobi quell’oro è di tutti. E i suoi tifosi ogni volta che lo incontrano vogliono vederlo. Nonostante siano passati così tanti anni.

C’è invece chi come Piotr Malachowski, discobolo polacco argento a Rio, vende la medaglia per necessità: i soldi del ricavato gli servono per curare il figlio di 3 anni gravemente malato. Ricava 75 mila euro che gli permettono di pagare la delicata operazione. “Avete trasformato l’argento in oro”, dirà poi agli acquirenti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto