Olanda ,Valkenswaard ,sesta tappa del Mondiale di Motocross. Dopo la storica rimonta gran premio Trentino che ha mandato in delirio i tantissimi tifosi accorsi al Ciclamino di Arco di Trento,Tony Cairoli era atteso alla sesta prova del mondiale sulla sabbia olandese.

Forma fisica ok

Lo splendido feeling che Tony ha trovato con la moto e l'ottima preparazione che quest'anno è riuscito a svolgere, dopo un paio di anni di infortuni che non gli hanno permesso di rendere al massimo e trovare la sua miglior forma fisica, stanno accompagnando l'idolo di casa in una stagione veramente interessante. Questo weekend era cominciato nel migliore dei modi: l'italiano infatti aveva vinto le qualifiche del sabato, permettendogli di presentarsi per primo al cancelletto di partenza della gara di domenica.

Purtroppo, però, una partenza non impeccabile nella prima manche ha modificato i piani della giornata, costringendo Tony all'ennesima rimonta. Tutto sembrava andare nel verso giusto quando una manciata di sabbia gli è entrata nel casco fin dentro gli occhiali, limitandogli la visibilità e rendendogli la rimonta difficile, costringendolo alla 9° posizione. Poco prima di lui il compagno di squadra Glen Coldenhoff che, volendo fare una buona gara in casa, ha reso più difficile la rimonta del siciliano.

Totalmente un'altra musica nella seconda manche

Cairoli, infatti, parte a razzo aggiudicandosi l'Holeshot e mettendo tutti gli altri contendenti dietro, limitandosi a gestire la gara. Il podio della giornata vede il francese Paulin tornare in vetta precedendo l'altro olandese Herlings, che non aveva sicuramente pensato così il suo debutto nella serie cadetta.

Per un punto Tony Cairoli non sale sul podio, forse decisivo quell'ultimo sorpasso proprio al compagno di squadra. A bocca asciutta rimane anche la tabella rossa del mondiale, lo sloveno Tim Gajser, che non sale sul podio da qualche gara e vede il distacco dal siciliano ridursi ancora di 6 punti. Ora il distacco tra i due infatti è di soli 14 punti.

Categoria MX2

In MX2 tanta paura per il giovanissimo Jorge Pardo che partito a razzo, al primo salto atterra in mezzo al pubblico per fortuna senza gravi conseguenze per entrambi. Si accontenta della 39° piazza al debutto la campionessa Chiara Fontanesi. Nelle interviste la campionessa italiana aveva dichiarato che avrebbe accettato qualsiasi verdetto senza troppa pressione, sapendo che lo sforzo sarebbe stato molto diverso dai suoi standard, essendo la categoria maschile senza dubbio più dura.

Prossimi appuntamenti

Si torna in pista il 6 Maggio a Kegums, Lettonia, dove l'anno scorso proprio per un punto Tony Cairoli lasciò il passo al solito Gajser che si proclamò campione del mondo al debutto in MXGP.

Segui la nostra pagina Facebook!