È raro trovare serie di questo tipo. Dove nessuna delle due contendenti riesce a strappare il fattore campo all’avversaria. Invece è proprio quello che sta succedendo nella sfida di semifinale della Eastern Conference tra Boston Celtics e Washington Wizards. La serie tornava a Boston dopo le due nette sconfitte subite dai Celtics nella Capitale, ma come già visto in stagione e soprattutto nel corso di questa sfida, i bianco-verdi tra le mura del TD Garden sono tutta un’altra squadra.

I Celtics arrivavano a questa partita forti di sette vittorie consecutive e 11 nelle ultime 13 tra le mura amiche contro Washington e i Wizards erano reduci da due soli successi in 10 partite di Playoff a Boston. Sicuramente il giocatore che ha sentito di più il giovamento di giocare davanti al proprio pubblico è stato Avery Bradley, capace di segnare 29 punti, 25 dei quali nel solo primo tempo come ultimamente solo Ray Allen e Paul Pierce avevano saputo fare.

Oltre a Bradley importantissimo è stato il contributo di Al Horford, che ha concluso Gara-5 a quota 19 punti conditi con 7 assist e 6 rimbalzi, oltre ad un pessimo 2/12 per gli avversari marcati da lui. Infine da segnalare per i Celtics l’ennesima ottima partita da 18 punti e 9 assist di Isaiah Thomas, che non ha nemmeno dovuto utilizzare tutto il suo arsenale per guidare la sua squadra alla vittoria.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Basket

La cronaca della partita

Washington arrivava a questo quinto atto della serie forte di due vittorie nette arrivate nella Capitale, soprattutto grazie a partenze brucianti. A Boston invece sono stati loro a subire l’avvio fulminante degli avversari. Infatti i Celtics, dopo aver concesso un paio di canestri, hanno messo a segno un 16-0 di parziale. L’ennesimo di una serie basata proprio su questi cambi di ritmo improvvisi.

Nel primo quarto, con una grande circolazione di palla dimostrata dai 12 assist messi a referto su 13 canestri segnati, i bianco-verdi hanno subito lanciato la fuga che poi si è dimostrata decisiva. Primo periodo difficilissimo per i Wizards, capaci di sbagliare ben 8 tiri consecutivi prima che Otto Porter segni un vero e proprio “goal”. Primi 12 minuti contraddistinti anche dalla poca circolazione mostrata dagli ospiti.

Il dato significato sta negli assist, in quanto Isaiah Thomas ha distribuito 5 assist nel primo parziale, di più di tutta la squadra avversaria.

All’intervallo il vantaggio dei Celtics arriva a toccare le 16 lunghezze, ma al rientro in campo i Wizards sembrano provare a metterci più energia. Boston però è brava a contenere tutti i mini parziali creati da Washington, arrivando anche a toccare le 26 lunghezze di vantaggio.

I Celtics difendono così ancora una volta il fattore campo, salendo 3-2 nella serie e andando a giocarsi Gara-6 nella Capitale nella notte italiana tra venerdì e sabato.

Ora però rimangono solamente due partite da disputare e tutta la pressione è sui Wizards, che giocheranno il sesto atto davanti al proprio pubblico, consci che una sconfitta li eliminerebbe dai Playoff.

Continua la maledizione Boston per Washington

Con questa sconfitta i “Maghi” sono al nono KO in 11 partite a Boston nei Playoff e addirittura non vincono una gara di post-season nel Massachusetts dal lontanissimo 1982. Stavolta sono stati loro la vittima del parziale iniziale che tanto male aveva fatto a Boston invece in Gara-3 e 4 disputate nella Capitale.

A nulla sono serviti i 21 punti del solito John Wall, i 16 di Bradley Beal e i 13 a testa di Otto Porter e Kelly Oubre dalla panchina.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto