Il primo giorno di gare alle Olimpiadi invernali di PyeongChang si chiude con zero medaglie per l'italia [VIDEO] nonostante l'attesa per la prima gara della Wierer. C'è già chi comincia a fare paragoni con i giochi si Sochi 2014 in cui l'Italia chiuse con zero ori nel medagliere, risultato negativo che non si aveva dal 1980.

Biathlon 7,5 km sprint donne: sesta Vitozzi, male la Wierer

Questa era la gara da cui oggi si attendevano medaglie per l'Italia con la campionessa Dorothea Wierer, solo 18esima che ha commesso due errori al poligono. La 7,5 km sprint femminile del biathlon è stata invece vinta dalla tedesca Laura Dahlmeier che si è imposta con il tempo di 21'06"2 (zero errori al poligono) precedendo la norvegese Marte Olsbu con 21'30"4 (un errore al poligono) e la ceca Veronika Vitkova 21'32"0 (un errore).

Ottimo risultato per la ventitreenne Lisa Vittozzi, sesta con 21'46"7 la quale senza l'errore commesso nel turno in piedi sarebbe potuta salire sul podio. La Wierer delusa a fine gara ha commentato: "Sono partita in fiducia e dopo il primo poligono ero messa bene. Poi ho beccato vento e al secondo poligono ho sparato colpi troppo veloci, ho sbagliato il ritmo. Rimpianti? Certo, ma sono tranquilla, sto bene e ho ancora cinque gare. Adesso devo essere ancora più convinta e punto sull'inseguimento, nel biathlon è sempre tutto possibile".

Short track: bene Fontana e Valcepina, staffetta donne in finale, male gli uomini

Nei 500m non ha deluso Arianna Fontana che ah vinto in scioltezza la propria batteria complice anche la caduta di due avversarie. Anche Martina Valcepina, ha vinto nella propria manche e ha ottenuto l'accesso ai quarti di finale.

Non qualificata, invece, Lucia Peretti. La gara per la medaglia si disputerà martedì. L'Italia si è poi qualificata per la finale della staffetta femminile dei 3000 metri di short track. L'italia si giocherà a medaglia nella finale con Corea del Sud, Canada e la Cina che l'ha battuta in semifinale.

Per quanto riguarda le gare maschili nei 1.500 metri Yuri Confortola, in testa per gran parte della manche, è stato eliminato e squalificato. La decisione della giuria che ha trovato tutti un po in disaccordo, è stata presa a seguito di un contatto con l'australiano Yung e la successiva caduta che ha coinvolto il cinese Han. Nell'altra batteria Tommaso Dotti è arrivato quarto e non si è qualificato per il turno successivo. Nella stessa gara arriva il primo oro per la Corea del Sud grazie a Lim Hyojun, che ha anche realizzato il record olimpico (2:10:485). Medaglia argento all'olandese Sjinkie Knegt, bronzo al russo Semen Elistratov.

Pattinaggio velocità donne: festa olandese

L'Olanda fa tripletta nei 3000 metri donne del pattinaggio velocità.

Vince Carlijn Achtereekte con il tempo di 3'59"21, seconda la connazionale Ireen Wust (3'59"29) e terza l'altra olandese Antoinette De Jong (4'00"02). L'unica azzurra in gara Francesca Lollobrigida arriva tredicesima con il tempo di 4'08"58.

Slittino: K. Fishnaller sesto dopo due manche

Senza Armin Zoeggeler, oggi direttore tecnico della squadra azzurra, l'Italia non è più nelle posizioni di testa dello slittino. Dopo due delle quattro manches, è il tedesco Felix Loch ad essere in testa alla classifica del singolo maschile dello slittino, con il tempo di 1'35"299 davanti all'austriaco David Gleirscher (1'35"487) che al russo Roman Repilov (1'35"516) che ricordiamo gareggia sotto la bandiera del CIO per l'affair doping di stato in Russia. Il primo degli azzurri è Kevin Fischnaller, sesto con in 1'35"646. Undicesimo Dominik Fischnaller in 1'35"897, quattordicesimo Emanuel Rieder in 1'36"087.

Skiathlon: primo oro delle olimpiadi alla Svezia

Nella prima gara che assegna una medaglia (skiathlon 7,5km+7,5km) si impone la svedese Charlotte Kalla che ha vinto davanti alla campionessa norvegese Marit Bjoergen a completare il podio un'altra scandinava la finlandese Krista Parmakoski. Atlete azzurre lontane dai piani alti, la migliore è stata Elisa Brocard, 26/a, 35/a Sara Pellegrini, 37/a Anna Comarella, 49/a Ilaria Debertolis.