Dalle 3 di questa notte è iniziata la stagione 2019 di MotoGP con i consueti test di inizio campionato nella pista di Sepang, in Malesia. Test molto importanti perché servono ai piloti e alle case costruttrici per verificare i miglioramenti della moto e per capire se la strada intrapresa sia quella giusta o meno. Inoltre, le curiosità aumentano anche per i tanti cambi di scuderia. Jorge Lorenzo, per esempio, ha lasciato la Ducati per approdare in Honda. Questi che si svolgeranno per tre giorni sono test fondamentali anche per Yamaha, alle prese con un grave gap da recuperare come ha dimostrato la passata stagione.

Pubblicità

MotoGp, test Sepang: i risultati del primo test della stagione

Il più rapido è stato il campione del mondo in carica Marc Marquez, che ha chiuso la giornata di test con il tempo di 1.59.621. Al secondo posto si è piazzato Alex Rins con 1.59.880. In terza posizione si è posizionato Maverick Vinales. Il pilota della Yamaha ha percorso tanti in giri in sella alla sua M1 ottenendo un ottimo tempo, pur senza aver tentato il consueto time Attack. Buone notizie, per la casa giapponese, arrivano anche da Valentino Rossi, sebbene abbia ottenuto solo il sesto posto.

Gli appassionati di questo sport, però, conoscono bene l'importanza delle sensazioni in sella nei test, specialmente per il pilota di Tavullia che nel corso della sua lunghissima carriera non ha mai spinto al 100% in queste occasioni. La Yamaha è stata la grande delusione della scorsa stagione, il problema lamentato dai piloti era sempre il solito: un consumo di gomme eccessivo causato dallo spinning al posteriore nelle piste con poco grip. Valentino ha chiuso la giornata con il tempo di 2.00.054 con ben 54 giri compiuti nel caldo di Sepang e si è detto soddisfatto dalle modifiche apportate sulla sua M1.

Pubblicità

Valentino Rossi soddisfatto: ''Siamo sulla buona strada''

''Questo primo giorno è stato abbastanza positivo. Ho avuto delle buone sensazioni in pista fin da subito, e non andiamo male neanche quando le nostre gomme si consumano, quello era il nostro punto debole. Siamo sulla buona strada, ma serve qualcosa in più''. Un'altra buona notizia per il centauro pesarese viene dai feedback rilasciati dal compagno di scuderia, Maverick Vinales. Anche lui ha apprezzato i miglioramenti del prototipo 2019 sebbene sia apparso più dubbioso rispetto al pilota italiano: ''Sono contento, ma mi aspettavo cambiamenti più grandi.

Dobbiamo lavorare sulla frenata, sull'accelerazione e sul consumo gomme''. La strada imboccata sembra essere quella giusta dunque. Alle 3 di questa notte inizierà il secondo giorno di test a Sepang. Le due Yamaha sono chiamate alla conferma.