Il prossimo avversario di Anthony Joshua continua ad essere un grosso punto interrogativo. Nei giorni scorsi, alla luce dell'impossibilità di fare il match per la riunificazione del titolo mondiale dei pesi massimi contro Deontay Wilder (che farà il rematch contro Tyson Fury probabilmente il prossimo mese di maggio), aveva preso piede la possibilità di affrontare Dillian Whyte a Wembley il prossimo 13 aprile in un match (con avversario da decidere) che la Matchroom Boxing aveva fissato la scorsa estate.

Pubblicità

Ma anche in questo caso le quotazioni sono vistosamente scese. Allo stato attuale ci sono invece maggiori possibilità che Joshua scelga l'avventura americana, mettere dunque in palio i suoi quattro titoli mondiali dei pesi massimi oltre oceano contro Jarrell Miller, ma anche qui il match è tutto da organizzare. C'è però un pugile che, alla luce di questa giungla di trattative, ha provato a farsi largo quasi a colpi di machete. Si tratta di Luis Ortiz che, intervistato da boxingscene.com, ha lanciato il suo guanto di sfida al britannico.

'Se non riesci ad organizzare il combattimento con Miller, io sono qui'

Il pugile cubano vuole tornare a combattere per il titolo mondiale. A marzo dello scorso anno fallì l'assalto alla corona WBC contro Deontay Wilder, ma mise seriamente in difficoltà il campione prima di andare k.o alla decima ripresa. Nonostante la sconfitta, 'The real King Kong' dimostrò tutto il suo valore ed ora vuole assolutamente una seconda chance. Del resto a quasi 40 anni è consapevole non di aver più molto tempo a disposizione per tentare la scalata iridata.

Pubblicità

"Senti - dice rivolto a Joshua - se vuoi combattere io sono qui e con tutto il rispetto per ciò che hai fatto finora io ti batterò. Se non riesci ad organizzare il combattimento con Miller, io sono pronto e ti batterò negli USA come nel Regno Unito. Se pensi di essere così bravo e vuoi metterti alla prova non c'è nessuno migliore di me. Wilder e Fury non sono disponibili, dunque credo di essere il miglior avversario che puoi affrontare".

'King Kong' torna sul ring il 2 marzo

Contro Deontay Wilder, Luis Ortiz incassò la prima e finora unica sconfitta della sua carriera.

Dopo il combattimento per il mondiale WBC, il cubano è salito sul ring alre due volte: a luglio dello scorso anno a Los Angeles quando mise k.o in 2 round Razvan Cojanu e, poi, lo scorso 1 dicembre sempre allo Staples Center, nel sottoclou del match mondiale tra Wilder e Fury. Nella circostanza mise k.o in 10 riprese Travis Kauffman. Tornerà sul ring il prossimo 2 marzo contro Christian Hammer, campione europeo dei pesi massimi che in passato fu avversario di Tyson Fury (si ritirò dopo 8 riprese).

Pubblicità

Il combattimento si svolgerà al Barclays Center di Brooklyn nel sottoclou del mondiale dei superwelter versione WBA tra Brian Carlos Castano ed Erislandy Lara. Ortiz ha un personale di 31 combattimenti con 30 vittorie (26 k.o) ed 1 sconfitta.