Un match tra più attesi in questo primo scorcio del 2019 che si candida fin d'ora come 'combattimento dell'anno'. Sul ring dell'AT&T Stadium di Arlington, la casa dei Dallas Cowboys, si sfideranno due campioni del mondo in carica. Il titolo in palio è comunque quello detenuto da Errol Spence, titolare della corona iridata dei pesi welter versione IBF. Mikey Garcia detiene attualmente il titolo mondiale WBC dei pesi leggeri e, pertanto, sale addirittura di due categorie di peso per la grande sfida.

Pubblicità

La sua sarebbe un'impresa in caso di vittoria, sulla quale ben tre grandi ex campioni del mondo sono pronti a scommettere. Mike Tyson, Sugar Ray Leonard e Floyd Mayweather puntano decisamente sul suo successo, ma il pronostico non è certamente così scontato. A confrontarsi sono comunque due pugili tra i migliori del mondo, pound for pound. Il combattimento si disputa sabato notte, quando in Italia saranno le prime ore di domenica 17 marzo.

La conferenza stampa pre-match

Scoppiettante come nella tradizione della grande boxe l'ultima conferenza stampa pre-match.

L'ultima occasione per le parole, perché sabato notte si faranno i fatti sul ring di Arlington. A chi sottolinea al campione dei pesi welter che Mikey Garcia è l'avversario più forte mai incontrato, lui risponde che "lo è certamente sulla carta, ma non posso saperlo finché non saliremo sul ring. Questa domanda dovete farmela dopo il combattimento", ha detto Errol Spence. Immediata la risposta di Garcia. "Sabato scoprirà il motivo per cui ho voluto affrontarlo e perché ho scelto questo combattimento.

Pubblicità

I miei avversari non vedono mai nulla di speciale quando mi affrontano, ma quando salgono sul ring si rendono conto di quanto io sia speciale, in modo diverso". Segue un veloce scambio di 'opinioni' tra i due pugili che ostentano sicurezza. "Smettila di parlare degli altri avversari, io non sono uno di loro", dice Spence e quando Garcia gli fa notare che "sarai un altro avversario sabato sera" come per dirgli che 'sarai uno dei tanti', il campione risponde con un minaccioso "vedremo". Il detentore del titolo dei pesi leggeri ha mantenuto un tono tranquillo nel corso della conferenza stampa, atteggiamento che Spence non ha gradito più di tanto.

"Se qui davanti a me e ti comporti in maniera umile, ma quando fai le altre interviste vuoi parlare di spazzatura. Vuoi mostrare rispetto e cose del genere? Preferisco tu tenga lo stesso atteggiamento che avevi a Cali nella tua palestra". Garcia non si scompone: "Ho sempre avuto questo atteggiamento, perché sono fiducioso delle mie capacità e so quello che posso fare e che devo fare sabato sera".

I due pugili a confronto

Soprannominato 'The Truth', Errol Spence jr sarà alla sue terza difesa del titolo mondiale IBF dei pesi welter strappato il 27 maggio del 2017 a Kell Brook sul ring di Sheffield, nel Regno Unito.

Pubblicità

Nella circostanza, Spence pose fine al combattimento all'11° round mandando al tappeto lo 'Special One' britannico dopo averlo messo knock down anche nel round precedente. Successivamente ha difeso il titolo contro Lamont Petersen, vinto per ritiro dell'avversario dopo 7 riprese, e contro Carlos Ocampo, fulminato al 1° round a giugno dello scorso anno sul ring di Frisco. Spence è imbattuto ed ha la mano piuttosto pesante considerato che su 24 vittorie ne ha chiuse 21 mettendo fuori combattimento l'avversario.

Mikey Garcia ha scelto di salire due divisioni di peso per tentare la conquista di un titolo che manca alla sua ampia collezione. Sarebbe infatti il quinto della sua carriera: nel 2013 indossò la cintura WBO dei pesi piuma battendo Orlando Salido che venne fermato all'8° round dopo aver colpito Garcia con una testata, quando quest'ultimo era saldamente in vantaggio ai punti dopo aver messo knock down l'avversario per ben quattro volte nelle prime quattro riprese. Sempre nel 2013 conquistò anche il titolo WBO dei superpiuma mettendo k.o Roman Martinez. Successivamente sono arrivati anche il titolo dei pesi leggeri WBC di cui è attualmente in possesso, battendo per k.o in 3 round Dejan Zlaticanin e quello dei superleggeri versione IBF a marzo dello scorso anno dopo il successo ai punti contro Sergey Lipinets. Il suo personale è di 39 vittorie in altrettanti combattimenti di cui 30 prima del limite.