Domani, 15 settembre 2019, ricorrerà il centesimo anniversario della nascita di Fausto Coppi e, per l'occasione, il consiglio regionale del Piemonte ha autorizzato la cittadina che diede i natali al campione, Castellania, in provincia di Alessandria, a cambiare il nome in Castellania Coppi. Nonostante ci abbia lasciato a soli 40 anni, il 2 gennaio 1960, l'airone, come era soprannominato, è e sarà sempre un'icona, una leggenda del ciclismo e dello sport italiano in generale, come dimostrano anche i quasi 250 libri che sono stati scritti su di lui nel corso degli anni.

Ricordare l'immenso palmarès di Coppi, cinque Giri d'Italia, due Tour De France, tre classiche Milano-Sanremo e moltissime altre vittorie, non basta a ricordare il campionissimo, che era più di un semplice sportivo.

Coppi-Bartali: rivalità sportiva e politica

La rivalità tra Fausto Coppi e Gino Bartali caratterizzò la stampa sportiva per un decennio nel secondo dopoguerra e contribuì a rendere il Ciclismo uno sport cosi popolare e seguito nel nostro Paese.

Una continua lotta fatta di epiche battaglie, ma sempre con una correttezza da galantuomini quali erano, e il gesto dei due che si passano una bottiglia, nella tappa tra Losanna e l'Alpe d'Huez del Tour De France 1952, è diventato uno dei simboli per eccellenza della rivalità sportiva cavalleresca. Ma la contrapposizione tra i due non si limitava alla strada e ai pedali, infatti la loro rivalità era vista anche come una metafora delle differenze sociali e politiche del Paese.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Curiosità Ciclismo

Infatti all'epoca, secondo il pensiero comune, Coppi rappresentava i movimenti di ispirazione laica, mentre Bartali veniva identificato nei movimenti cattolici, e alle elezioni politiche divennero i simboli dei due principali partiti in lizza: il Partito Comunista Italiano e la Democrazia Cristiana.

Un Paese in volo con l'airone Coppi

Fausto Coppi non è stato solo un fenomeno sportivo, ma anche sociale, in un' Italia in cui il ciclismo era lo sport più seguito, aiutava il Paese a scoprire se stesso nel profondo, nell'analizzare le difficoltà e i sogni: alla gioia per la vittoria del suo primo Giro d'Italia nel 1940 si contrappone la paura per l'annuncio dell'entrata in guerra del Paese.

Quindi Coppi viene chiamato alle armi e verrà poi catturato e imprigionato in Africa, poi il ritorno in Italia, le successive vittorie nel Giro d'Italia, quelle nel Tour de France, i trionfi al Mondiale, tutte soddisfazioni a cui però furono contrapposti anche momenti di profonda tristezza per il campione, come la perdita del fratello Serse nel 1951 e la tormentata storia, extraconiugale, con la Dama Bianca, ossia Giulia Occhini, fino alla tragica e prematura morte il 2 gennaio 1960 a causa della malaria contratta in Africa.

Forse correva così forte che ha superato la sua stessa vita, come disse Nicolò Carosio commentando la vittoria di Coppi alla Sanremo del 1946: "E in attesa del secondo, trasmettiamo musica da ballo".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto