I Mondiali di Ciclismo su pista che sono iniziati ieri a Berlino hanno portato notizie molto lusinghiere per i colori azzurri. I due quartetti dell’inseguimento non hanno deluso le attese segnando entrambi il nuovo record italiano. Le donne hanno superato le qualificazioni con il sesto tempo ed ora sono pronte alla sfida con la Germania nel primo turno. Ancora più esaltante è stata la prova degli uomini guidati dalla locomotiva Filippo Ganna. Dopo aver chiuso il turno di qualificazione al quarto posto, gli azzurri hanno trovato sulla propria strada i fortissimi danesi mancando per un soffio un clamoroso successo ma guadagnandosi l’accesso alla finale per il bronzo stracciando il primato nazionale.

Mondiali su pista, le azzurre in corsa per il bronzo

La prima giornata dei Mondiali di ciclismo su pista ha visto i quartetti azzurri dell’inseguimento a squadre esprimersi ad altissimi livelli. I tornei di questa che è una delle discipline storiche del ciclismo su pista si svolgono con una prova di qualificazione dalla quale vengono selezionate le prime otto squadre classificate che accedono alla fase successiva, il primo turno.

Le prime quattro si sfidano in confronti diretti che determinano l’accesso alla finale per la medaglia d’oro. Tra i tempi delle due sconfitte e delle altre formazioni che hanno superato la qualificazione viene redatta una nuova classica che determina chi andrà a sfidarsi nella finale per la medaglia di bronzo.

L’Italia ha superato brillantemente la fase di qualificazione sia con il quartetto femminile che con quello maschile.

Le ragazze, schierate con la formazione Alzini, Balsamo, Paternoster e Valsecchi, hanno segnato 4’15’’255, sesto tempo complessivo e nuovo record italiano. Il piazzamento ha escluso le azzurre dalla possibilità di accedere alla finale per la medaglia d’oro, ma le tiene in corsa per poter ancora entrare in quella per il bronzo. Stasera le ragazze del Ct Salvoldi sfideranno nel primo turno la Germania per cercare uno dei due migliori tempi che valgono l’accesso alla finale per il terzo posto.

Ganna e compagni vicini al record del mondo

La prestazione degli uomini è stata ancora più straordinaria. I ragazzi del Ct Marco Villa hanno segnato il quarto tempo in qualificazione correndo con lo schieramento formato da Consonni, Ganna, Lamon e Scartezzini. Il piazzamento è valso dunque l’accesso al primo turno in una sfida valida per l’ingresso alla finale per la medaglia d’oro. Gli azzurri hanno trovato sulla loro strada la Danimarca, prima in qualificazione con il nuovo record del Mondo.

Il confronto che sembrava impossibile per Ganna e compagni è stato invece incertissimo. Gli azzurri hanno inserito il ventenne Milan al posto di Scartezzini ed hanno tenuto testa ai fortissimi danesi correndo su tempi da primato mondiale e arrendendosi solo per una manciata di centesimi di secondo.

Il tempo è stato di 3’46’’513, nuovo record italiano. “Un tempo che ci dà morale, siamo a soli due centesimi dal record del Mondo. Lo abbiamo detto forte e chiaro, noi per Tokyo 2020 ci siamo” ha commentato il Ct Marco Villa.

Il programma della seconda giornata

Il quartetto dell’inseguimento maschile sarà impegnato stasera nella finale per la medaglia di bronzo contro l’Australia.

Il programma serale di questa seconda giornata dei Mondiali di ciclismo su pista di Berlino inizia alle 18.30. Prima si svolgerà lo sprint femminile, poi al termine di questa gara sarà il momento dell’inseguimento a squadre, con le ragazze impegnate nel primo turno contro la Germania e i ragazzi nella finale per il bronzo contro l’Australia. Successivamente ci sarà anche la finale dello scratch maschile con il nostro Simone Consonni. Questa seconda giornata sarà trasmessa in tv in diretta sia da Eurosport che da Rai Sport a partire dalle 18:30 e contemporaneamente anche in streaming su Eurosport Player e Rai Play.

Segui la nostra pagina Facebook!