La quarta giornata di corsa all’UAE Tour è passata via più tranquillamente delle precedenti. Il gruppo ha pedalato a lungo con ritmi piuttosto blandi su un tracciato interamente pianeggiante, in attesa della battaglia per lo sprint finale. La corsa si è poi accesa negli ultimi chilometri, con la lotta delle squadre dei velocisti che ha moltiplicato la velocità fino allo sprint vincente di Sam Bennett. Il corridore della Deceuninck Quickstep ha atteso che Ackermann lanciasse la sua volata per poi rimontare scegliendo anche la traiettoria migliore nell’ultima semicurva.

Bennett ha avuto la meglio sul giovane olandese David Dekker, grande rivelazione di questa corsa.

UAE Tour, fuga con due francesi

Dopo i ventagli della giornata d’apertura, la cronometro e l’arrivo in salita di ieri, all’UAE Tour è scoccata l’ora dei velocisti. La quarta tappa ha proposto un percorso interamente piatto, e il poco vento odierno ha reso ancora più tranquilla la giornata. Il gruppo ha interpretato la corsa senza nessuna animosità, come un lungo trasferimento verso la fase finale e la preparazione all’inevitabile sprint generale.

Solo due corridori francesi, Olivier Le Gac (Groupama FDJ) e Francois Bidard (AG2R Citroen), si sono lanciati in fuga, con ormai metà tappa già percorsa. Dopo qualche decina di chilometri la loro azione si è esaurita e il gruppo ha continuato tranquillamente la sua marcia. Solo ad una decina di chilometri dall’arrivo il ritmo si è finalmente alzato, con le squadre dei velocisti impegnate a darsi battaglia per tenere nelle prime posizioni i rispettivi leader.

Bennett, vittoria numero 50

La velocità si è fatta sempre più intensa, con la Israel di Greipel che un po’ a sorpresa è riuscita ad imboccare davanti l’ultimo chilometro. Il tedesco si è però poi perso sulla rimonta dei trenini degli altri velocisti, con la Bora di Pascal Ackermann che è riuscita a portarsi in testa, ma lasciando solo troppo presto il proprio capitano.

La volata di Ackermann è andata così in calando nel finale, lasciando aperta la porta alla rimonta di chi è arrivato da dietro, come Sam Bennett. L’irlandese è stato guidato da Morkov, ma ha poi avuto l’intuito vincente di lasciare la scia del danese per seguire lo sprint di Ackermann e superarlo approfittando anche della traiettoria più interna nell’ultima semicurva. Bennett è così andato a centrare la 50° vittoria personale in carriera, davanti a David Dekker, giovane olandese della Jumbo Visma che è la scoperta di questo UAE Tour. Dekker, figlio dell’ex campione Erik, era già arrivato secondo nella tappa d’apertura e con questo piazzamento si è impossessato della maglia della classifica a punti.

Terzo posto oggi per Caleb Ewan, davanti ad un buon Elia Viviani, apparso già abbastanza in forma nonostante i problemi di salute di questo inverno.

La classifica generale non è cambiata, con Tadej Pogacar ancora saldamente al comando.

Dopo la corsa Velon, l’associazione che riunisce molte squadre professionistiche, ha comunicato i dati dello sprint di Sam Bennett. Il corridore irlandese ha raggiunto un ragguardevole picco di 1595 watt, con una media di 1365 watt negli ultimi dieci secondi di corsa, quelli della volata.