Il cambio di nome da Giro del Trentino a Tour of the Alps non ha cambiato la natura della corsa organizzata dal G.s. Alto Garda, in programma quest’anno da lunedì 19 a venerdì 23 aprile. Dagli anni Settanta la corsa si propone stabilmente come un’anticipazione dell’imminente Giro d’Italia, una prova di rifinitura per i tanti campioni che puntano alla maglia rosa. Dal 2017 il progetto è diventato di più ampio respiro, coinvolgendo nuovi territori sotto il nome di Tour of the Alps. La cifra tecnica è rimasta però la solita: tante salite, scenari da cartolina e le prime sfide tra i favoriti del Giro d’Italia.

Anche quest’anno vedremo al via tra gli altri Simon Yates, Daniel Martin e Romain Bardet, tutti poi attesi al Giro, oltre ad altri big del calibro di Chris Froome e Nairo Quintana.

Cinque tappe di salite

Il percorso del Tour of the Alps 2021 è come sempre molto impegnativo. Non ci sono tappe facili, da velocisti o interlocutorie. Chi punta alla vittoria finale sarà chiamato a essere in prima linea ogni giorno e anche per questo la corsa dà una valida misura dei valori in campo a poche settimane dal via del Giro d’Italia. Ecco la presentazione delle tappe del Tour of the Alps con gli orari delle dirette tv di Rai ed Eurosport.

Lunedì 19 aprile, 1ª tappa Bressanone – Innsbruck 141 km.

Si scavalca il Brennero per passare in Austria per un finale caratterizzato dalla doppia ascesa ad Axams. In tv su Rai Sport ed Eurosport 2 dalle 14.

Martedì 20 aprile, 2ª tappa Innsbruck – Feichten im Kaunertal 121 km. Tappa breve ma molto impegnativa, con la doppia ascesa, da due diversi versanti, a Piller Sattel. La seconda scalata è di 6.5 km al 9.4% di pendenza media.

Dopo lo scollinamento si scende a Prutz per affrontare la più pedalabile salita conclusiva. In tv su Rai Sport ed Eurosport 2 dalle 14.

Mercoledì 21 aprile, 3ª tappa Imst – Naturno 162 km. Altra giornata in montagna, con le salite a Piller Sattel, Passo Resia e Maso Albergad. L’ultima difficoltà è l’ascesa a Tarres, circa 4 km al 5.6% di pendenza, mentre gli ultimi 20 km sono più pianeggianti.

In tv su Eurosport 1 alle 12:30, su Rai Sport dalle 16.

Giovedì 22 aprile, 4ª tappa Naturno – Valle del Chiese/Pieve di Bono 168 km. È probabilmente la tappa più selettiva, presentando le scalate al Passo Castrin, al Passo Campo Carlo Magno e nel finale l’ascesa a Boniprati, circa sette km con pendenze a lungo sul 10%. In tv su Eurosport 2 e Rai Sport dalle 14.

Venerdì 23 aprile, 5ª tappa Valle del Chiese/Idroland – Riva del Garda 120 km. Percorso breve, ma senza pianura. Si scalano il Duron, le salite a Ballino e Lago di Tenno, quest’ultima per due volte. L’ultima salita è di nove km al 5.6%. in tv su Eurosport 2 dalle 14 e su Rai Sport dalle 23.

Sivakov è il campione in carica

Nonostante qualche defezione degli ultimi giorni, tra cui quelle di Nibali e Bernal, la starting list di questo Tour of the Alps è di altissima qualità.

Il motivo d'interesse principale della corsa è il confronto tra i tanti campioni che si stanno preparando al Giro d’Italia, ma in gruppo vedremo anche alcuni big che non saranno alla corsa rosa. Tra questi spiccano i nomi di Chris Froome, sempre sulla difficile via del recupero dopo il grave incidente di due anni fa e di Nairo Quintana, uno dei principali favoriti al successo finale. Tra chi punta al Giro è invece molto interessante la prestazione di Thibaut Pinot, che in questa prima fase della stagione non ha convinto ed è ancora alla ricerca della miglior condizione dopo i problemi della schiena dei mesi scorsi. Lo scalatore francese ha anche messo in dubbio la sua partecipazione al Giro d’Italia, se in questo Tour of the Alps dovesse avvertire delle sensazioni particolarmente negative.

Tra i favoriti del Tour of the Alps che sono poi attesi anche al Giro spiccano i nomi del campione in carica Pavel Sivakov, attorniato da una Ineos fortissima con Martínez e Moscon, Simon Yates, Aleksandr Vlasov, Hugh Carthy, Daniel Martin, Pello Bilbao, Jai Hindley e Romain Bardet.

Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!