Le Nba Finals 2021 non hanno ancora un padrone. Dopo le prime quattro partite, infatti, la serie fra Phoenix Suns e Milwaukee Bucks è in perfetta parità, ferma sul 2-2. Entrambe le squadre hanno sfruttato appieno il vantaggio del fattore campo, vincendo i match davanti al pubblico amico.

Ora la sfida vivrà di una mini-serie da tre partite, dove chi otterrà due successi si porterà a casa l'ambito anello Nba. Phoenix e Milwaukee hanno vinto le rispettive conference: i Suns si sono aggiudicati la Western, i Bucks la Eastern.

Comunque vada a finire, si scriverà una nuova pagina di storia nell'albo d'oro Nba.

Infatti Phoenix non ha mai vinto l'anello e non andava alle Finals dal 1993, mentre Milwaukee ha trionfato solo nel lontano 1971 e non raggiungeva la sfida decisiva dal 1974.

La finale a sorpresa

All'inizio della stagione in pochi si sarebbero aspettati questo confronto nelle Nba Finals. C'era più fiducia nei Milwaukee Bucks, data la presenza del 26enne fenomeno greco Giannis Antetokounmpo. Dopo essere stato premiato come miglior giocatore (Mvp) nelle due stagioni precedenti, in questo torneo è riuscito a riportare la franchigia del Wisconsin in finale dopo quasi 50 anni.

Sempre forti durante la regular season, i Bucks si perdevano spesso ai playoff, com'è accaduto due anni fa quando sono stati sconfitti nella finale di conference dai Toronto Raptors, poi laureatisi campioni di quell'edizione.

In questa stagione il primo obiettivo è stato raggiunto, e le ultime due sfide vinte in casa hanno riportato una buona dose di entusiasmo dopo i Ko nelle prime due gare giocate in Arizona.

I Phoenix Suns sono la sorpresa più grande di questo campionato Nba, giacché negli ultimi 11 anni non si erano nemmeno qualificati ai playoff. L'ultimo lampo era stata la finale di conference nel 2010 contro i Los Angeles Lakers del compianto Kobe Bryant.

Quest'anno i Suns sono stati trascinati dal 36enne Chris Paul. Appena arrivato a Phoenix, all'ennesima avventura della sua lunga carriera, ha raggiunto per la prima volta le Nba Finals quando sembrava aver perso tutti i treni possibili.

Se finora il fattore campo è stato rispettato alla perfezione, da adesso questo vantaggio sarà tutto per i Suns, perché tutte le partite della serie (gara 5 e l'eventuale gara 7) si disputeranno alla Talking Stick Resort Arena di Phoenix, mentre solo gara 6 al Fiserv Forum di Milwaukee.

Chi vincerà l'anello?

Phoenix Suns o Milwaukee Bucks. Un dubbio che sarà svelato al massimo entro una settimana. Nella notte fra sabato 17 e domenica 18 luglio ci sarà gara 5 a Phoenix, poi nella notte fra martedì 20 e mercoledì 21 si terrà gara 6 a Milwaukee. L'eventuale ultimo atto è in programma nella notte fra giovedì 22 e venerdì 23 luglio di nuovo in Arizona.

Novità video - NBA Finals: Phoenix-Milwaukee gara-5 119-123
Clicca per vedere

Sarà interessante scoprire se le due squadre cambieranno qualcosa nel loro stile di gioco. Ai Bucks di coach Mike Budenholzer piace tanto andare nell'altra metà campo in velocità, approfittando del talento di Antetokounmpo e dei punti nelle mani di Khris Middleton, decisivo in gara 4. Invece i Suns di coach Monty Williams prediligono un Basket più vecchia scuola, ritmo basso e difesa schierata, puntando sulle giocate di Paul e i canestri di Devin Booker.

In una stagione dove tutti i pronostici sono stati ribaltati, non si escludono ulteriori sorprese nelle Finals fra Suns e Bucks. Per arrivare all'ultimo atto, Phoenix ha battuto squadre più quotate come i Los Angeles Lakers campioni uscenti, i Denver Nuggets e i Los Angeles Clippers. Milwaukee a sua volta si è sbarazzata di Miami Heat (finalista nel 2020), dei favoriti Brooklyn Nets e degli Atlanta Hawks dell'azzurro Danilo Gallinari.