Al pari della Mini Imu anche il pagamento dell'ultima rata TARES 2013 ha la scadenza fissata per il 24 gennaio, data entro la quale i cittadini dovrebbero ricevere a casa un bollettino e un F24 semplificato precompilati, cosa accaduta soltanto a pochissimi contribuenti. Quindi, come pagare se il bollettino non arriva in tempo? Vediamolo insieme.

 Prima di tutto, bisogna ricordare che la TARES è costituita dalla Tariffa Rifiuti più Servizi Indivisibili,che devono essere pagati tramite bollettino, alla quale poi bisogna aggiungere una maggiorazione di 30 centesimi per mq destinata alla Stato, da versare attraverso l'F24. Quindi, i contribuenti che non avessero ricevuto per mezzo postale la modulistica necessaria, possono procedere al seguente calcolo: moltiplicate i metri quadri degli immobili soggetti alla tassa (casa, garage..) per 30 cent.

Ottenuto l'importo procedete alla compilazione dell'F24. Il codice da utilizzare per il pagamento della TARES è 3955, sezione "EL", rateazione "0101″, anno di riferimento "2013″. 

Per quanto riguarda invece la mancata consegna a casa del bollettino per il pagamento della Tariffa rifiuti, è possibile sopperire a tale mancanza utilizzando un bollettino in bianco. I dati da inserire sono i seguenti:  

  • il numero di conto 1011136627, bollettino intestato a PAGAMENTO TARES
  • Codice catastale del Comune 
  • Codice identificativo dell'operazione (3944),
  • Dati anagrafici e importo del pagamento 

Per quanto riguarda il calcolo dell'importo questo potrebbe rivelarsi più complicato del previsto, in quanto è possibile che ci sia da pagare un conguaglio, a causa di delibere emanate dopo il primo pagamento. Nelle grandi città, se si è registrati al sito del Comune, sarà possibile controllare tramite la votra pagina utente l'importo da versare, in caso contrario, è consigliabile rivolgersi ad un CAF.