Atti che rientrano nella sanatoria delle cartelle Equitalia

Si può domandare la definizione agevolata delle cartelle esattoriali e degli avvisi di accertamento esecutivi se sono state affidati ad Equitalia non oltre il 31 ottobre 2013 e riguardano tributi di competenza alle agenzie fiscali quali Agenzia delle Entrate, del Demanio, del Territorio, delle Dogane e dei Monopoli, agli uffici statali come Prefetture e Ministero, agli Enti locali; rientrano quindi anche le multe per infrazioni al codice della strada.

Come potete leggere in No sanatoria cartelle Inps e Inail, quelle relative ai debiti verso i due enti non rientrano nella rottamazione.

Verifica avvisi e cartelle Equitalia per la sanatoria

Se avete dubbi su quali atti possono rientrare nell'agevolazione, si può domandare agli sportelli di Equitalia le info contenute nell'estratto a ruolo; in ogni caso fa appunto fede la data di affidamento, non oltre il 31 ottobre 2013, e la tipologia.

Sanatoria cartelle Equitalia, come funziona

Dunque se è possibile la definizione agevolata, il contribuente non pagherà alcun interesse di mora, ovvero quegli interessi sanzionatori che maturano dalla data di notifica della cartella in caso di mancato pagamento delle somme entro i 60 giorni previsti; in più se si tratta di cartelle o avvisi emessi per l'Agenzia delle Entrate non si pagano neanche gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo.

Per usufruire della sanatoria occorre però pagare tutto in una unica soluzione: residuo del debito, l'aggio, le spese di notifica e quelle per eventuali procedure attivate

Scadenze sanatoria cartelle e avvisi Equitalia

I tempi sono abbastanza stretti: il termine ultimo è fissato al 28 febbraio 2014.

I migliori video del giorno

Fino al 15 marzo la riscossione dei debiti rientranti nella definizione agevolata è sospesa, non oltre il 30 giugno Equitalia manderà un avviso via posta al contribuente per informarlo dell'estinzione del debito.

Sanatoria Equitalia, come pagare cartelle e avvisi

Il pagamento di quanto dovuto si può fare ovviamente presso gli sportelli di Equitalia; poi negli uffici di Poste Italiane con bollettino F35, uno per ogni cartella: nel campo "eseguito da" si deve scrivere "Definizione Ruoli – L.S. 2014" ed inserite anche il codice fiscale.

Sanatoria cartelle Equitalia e crediti con la Pubblica Amministrazione

Chi vanta dei crediti con la P.A. verrà contattato prima di pagare direttamente da Equitalia per verificare se ci siano debiti con lo Stato superiori ai 10mila euro, in quanto la stessa Equitalia vuole consentire il sado di cartelle/avvisi avvalendosi del pagamento agevolato entro la scadenza e permettere alla PA di procedere al pagamento del credito nei tempi previsti senza risentire di eventuali ritardi dovuti ai tempi tecnici legati alle operazioni della definizione agevolata.