Si parla molto di #Canone Rai in questi giorni, forse perchè è proprio questo il periodo in cui va pagato! Anche in Europa si parla del canone tv: non per una presunta sentenza della Corte Europea che lo dichiara illegittimo (cfr l'articolo Canone Rai illegittimo: non si deve pagare?), ma perchè il 19 marzo il deputato M5S Roberto Fico, presidente della commissione di vigilanza Rai, dovrà comparire ad un'audizione in merito proprio all'impianto di tale imposta. Ricordiamo che si tratta di una tassa di possesso sugli apparecchi radio-televisivi, non lo si paga solo per vedere la tv di Stato.

Il tutto dipende dalla "regoletta" che prevede che se non si paga il canone si può incorrere nella sugellazione del televisore: secondo le interpretazioni di molti, tale norma viola alcuni diritti fondamentali dell'uomo che sono difesi e tutelati dall'UE.

Da notare anche si possono domandare preventivamente i sigilli alla tv per non pagare il canone.

Così recita la Carta dei Diritti: "Ogni persona ha diritto alla libertà d'espressione. Tale diritto include la libertà d'opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza ingerenza alcuna da parte delle autorità pubbliche e senza considerazione di frontiera... Il presente articolo impedisce che gli Stati sottopongano a un regime di autorizzazione le imprese di radiodiffusione, di cinema o di #Televisione". Davvero problematico (ma ce ne si accorge solo ora?).

Roberto Fico dovrà anche rispondere a questioni relative ai pochi programmi Rai accessibili tramite gli appositi servizi ai disabili auditivi e visivi, che ovviamente non sarebbero in linea con i diritti espressi dalla Carta perchè appunto non in grado di garantire la piena fruibilità della programmazione anche a questi cittadini.

I migliori video del giorno

Non solo: in ballo anche la questione dei canali Rai non visibili se si utilizza il decoder Sky ed i bilanci di via Mazzini, poco trasparenti a quanto pare.