Nessun dubbio, ormai da giorni, riguardo il pagamento della Mini #imu, la quale dovrà essere corrisposta entro il 24 gennaio: questa è dunque l'ultima data utile per pagare la differenza della seconda rata dell'IMU (imposta municipale sugli immobili) per il 2013; saranno obbligati tutti i contribuenti che possiedono un immobile in uno dei Comuni nei quali si dovrà corrispondere questo conguaglio (mini imu).

A quanto ammonta l'importo da pagare? Dunque, l'importo della mini imu consisterà nel pagamento del 40% dell'eccedenza del tributo, che andrà calcolato considerando l'aliquota di riferimento, nell'eventualità in cui questa aliquota, nel 2013, sia stata aumentata dal proprio Comune (dal Comune in cui è situato l'immobile).

Gli step da seguire prima di versare l'importo sono i seguenti:

  • controllare in primis l'aliquota stabilita dal Comune dove è ubicato l'immobile;
  • se l'aliquota è superiore al 4 per mille, allora sarà uno di quei 2.400 Comuni circa in cui si pagherà la mini imu per essere stata aumentata l'aliquota oltre la soglia, appunto, del 4 per mille;
  • verificare, per sicurezza, sul sito web del proprio Comune, o rivolgersi direttamente all'ufficio competente.

Il calcolo dell'importo della mini Imu richiede conteggi particolarmente complicati per "i non addetti ai lavori", pertanto questo è l'ELENCO dei Comuni che hanno applicato un'aliquota superiore al 4 per mille; invece sul sito del Ministero delle Finanze, inserendo il proprio Comune è possibile leggere la delibera adottata da ogni singolo Comune.

I migliori video del giorno