Multe stradali e #Bollo auto non pagati oggetto di cartelle esattoriali provenienti da #Equitalia potranno essere soggette alla mini sanatoria prevista dalla legge di stabilità 2014. Ecco come fare per partecipare alla mini sanatoria, ribattezzata rottamazione delle cartelle di pagamento di Equitalia, e risolvere la propria posizione pendente con il Fisco.

Sanatoria Equitalia 2014: di cosa si tratta?

C'è tempo fino al 28 febbraio 2014 per pagare le multe stradali scadute, nonché il bollo auto e altre tasse, come l'imposta sul reddito delle persone fisiche e l'imposta sul valore aggiunto, che il contribuente ha omesso di versare e che hanno formato oggetto di cartelle esattoriali inviate ai contribuenti da Equitalia per partecipare alla mini sanatoria 2014.

È stata la legge di stabilità 2014, la legge n. 147 del 2013 infatti, che ha previsto la possibilità per quei contribuenti che avessero cartelle esattoriali pendenti di fronte a Equitalia di rimediare, entro il 28 febbraio prossimo, pagando l'importo dovuto al Fisco, senza sanzioni né interessi di mora che fanno lievitare l'importo del debito con il Fisco.

Pagamento multe e bollo auto in ritardo

Così chi non ha pagato in tempo multe stradali o non ha pagato il bollo auto ad esempio e ha ricevuto lettere da Equitalia, ora può rimediare pagando senza interessi né le sanzioni previste per legge. Come fare? Semplice: basta recarsi in un ufficio Equitalia del proprio Comune di residenza, verificare la pendenza in corso e pagare il debito, senza gli interessi, in un'unica soluzione entro il 28 febbraio 2014.

I migliori video del giorno

Il versamento può essere fatto in tutti gli sportelli di Equitalia, negli uffici postali tramite bollettino F35, indicando i nel campo "Eseguito da" la formula "Definizione Ruoli - L.S. 2014".