L'#Irpef, o imposta sul reddito delle persone fisiche, è divisa in scaglioni Irpef con aliquote diverse, perché tiene conto del reddito del contribuente e colpisce maggiormente chi ha redditi maggiori. 

Per il 2014 gli scaglioni di reddito stabiliti per l'Irpef sono cinque. Ecco quali sono e quali aliquote vengono applicate.

Gli scaglioni e le aliquote Irpef 2013 - 2014

  • Primo scaglione: include le fasce di reddito che vanno da zero a 15.000 euro. L'aliquota che si applica è del 23%. In linea generale, rientrano in questo scaglione tutti i contribuenti che hanno un reddito medio mensile inferiore a 1.250 euro.
  • Secondo scaglione: include le fasce di reddito che vanno da 15.001 a 28.000 euro. L'aliquota che si applica è del 27%. In linea generale, rientrano in questo scaglione tutti i contribuenti che hanno un reddito medio mensile inferiore a 2.335 euro.

La norma stabilisce che a partire dal terzo scaglione, l'aliquota maggiore viene applicata esclusivamente alla parte di reddito eccedente l'aliquota base.

  • Terzo scaglione: include le fasce di reddito che vanno da 28.001 a 55.000 euro. L'aliquota che si applica per la parte eccedente i 28.000 euro è del 38% (per i primi 28.000 euro si applica l'aliquota base del 27%). In linea generale, rientrano in questo scaglione tutti i contribuenti che hanno un reddito medio mensile inferiore a 4.583 euro.
  • Quarto scaglione: include le fasce di reddito che vanno da 55.001 a 75.000 euro. L'aliquota che si applica per la parte eccedente i 55.000 euro è del 41%. In linea generale, rientrano in questo scaglione tutti i contribuenti che hanno un reddito medio mensile inferiore a 6.250 euro.
  • Quinto scaglione: include le fasce di reddito che vanno oltre i 75.000 euro. L'aliquota che si applica per la parte eccedente i 75.000 euro è del 43%. In linea generale, rientrano in questo scaglione tutti i contribuenti che hanno un reddito medio mensile superiore a 6.250 euro.