È legittimo il verbale di accertamento della violazione dell'art. 142 comma 8 codice della strada, (eccesso di velocità), pur se l'infrazione è contestata per mezzo di apparecchiatura elettronica (Autovelox). La contestazione immediata non è infatti necessaria quando il fermo del veicolo trasgressore comporti una situazione di pericolo per il traffico. Il verbale emesso dalla Polizia municipale notificato al proprietario del veicolo, non risulta in contrasto con il disposto di cui all'art. 4 primo e secondo comma del di. n. 121/2002 se prevalgono esigenze di sicurezza.

Per le autostrade e le strade extraurbane principali la legge a priori stabilisce che non è possibile il fermo del veicolo, in quanto costituirebbe un grave intralcio alla circolazione. È consentito pertanto l'utilizzo delle apparecchiature elettroniche con l'effetto che la sanzione è ritenuta valida anche in mancanza di contestazione immediata.

Nelle strade extraurbane secondarie e urbane di scorrimento non vi è un obbligo specifico ma la situazione deve essere valutata in relazione al caso concreto, in quanto la legge precisa che quando il fermo ai lati della carreggiata risulta rischioso per gli altri automobilisti è valida la contestazione mediante autovelox.

È il decreto del Prefetto a stabilire quali siano le strade in cui la contestazione immediata non è obbligatoria, ma la sentenza citata specifica che anche in assenza del suddetto decreto la violazione accertata con autovelox è legittima se prevalgono le esigenze di traffico e sicurezza.

Secondo quanto ritenuto dalla Corte Suprema, gli agenti ed ufficiali di polizia municipale, in quanto organi di polizia giudiziaria hanno il potere di accertare le violazioni in materia di circolazione stradale punite con sanzioni amministrative pecuniarie in tutto il territorio comunale, anche, quindi, su strade statali al di fuori del centro abitato. Ne deriva che, gli accertamenti di violazioni del codice della strada da essi compiuti nei limiti della loro competenza, debbono ritenersi per ciò stesso legittimi.