Continuano ad avvicinarsi sempre di più le scadenze riferite allo Spesometro 2014, uno degli strumenti più efficaci tra quelli messi a punto dall’amministrazione finanziaria considerato in particolare come contenga il rendiconto annuale di tutte le spese non tracciabili - superiori ad un importo prefissato - effettuate da determinate tipologie di soggetti.



Lo strumento costituito dallo Spesometro 2014 si rivolge in particolare ai liquidatori IVA, con l’ultima scadenza, quella del 30 aprile, a rivolgersi esclusivamente ai soli operatori finanziari: in questa sede tracceremo un breve profilo concernente l’invio dati per lo Spesometro 2014, concentrandoci su alcune FAQ diffuse dall’Agenzia delle Entrate e precisando con dovizia di particolari le scadenze da dover rispettare.



Spesometro 2014: istruzioni liquidatori IVA e FAQ Agenzia delle Entrate



Lo strumento dello Spesometro 2014 si rivolge principalmente ai liquidatori IVA; le istruzioni concernenti l’invio dati per lo stesso Spesometro 2014 sono integralmente riportate sul portale online dell’Agenzia delle Entrate, con quest’ultima a precisare che ‘per compilare e trasmettere telematicamente all'Agenzia dichiarazioni, modelli, richieste, comunicazioni o anche effettuare versamenti, è possibile utilizzare i software di compilazione e i software di controllo messi a disposizione dall'Agenzia o reperibili sul mercato (solo per i software di compilazione), e procedere alla predisposizione, verifica ed invio del file creato’.



Anche con riferimento all’invio dati per lo Spesometro 2014 esiste un pratico software che l’Amministrazione finanziaria invita ad utilizzare, anche se parlando di istruzioni attinenti lo Spesometro 2014 bisogna sottolineare come l’utilizzo del software ufficiale non sia obbligatorio ma solo caldamente consigliato. Ecco in sintesi le istruzioni da dover seguire.



Una volta raggiunto il sito dell’Agenzia delle Entrate e compilato lo Spesometro 2014 - la sezione è raggiungibile effettuando il seguente percorso: ‘Cosa devi fare’, 'Comunicare Dati', ‘Comunicazioni Operatori Finanziari’, ‘Spesometro’ -, è necessario attivare la Procedura di controllo che consente di scovare eventuale errori e di correggerne la portata. A questo punto bisognerà autenticare il documento online e dopo di che sarà possibile inviare i dati attivando l’apposita funzionalità presente fra i Servizi Telematici del portale dell'Agenzia.



Prima di effettuare ogni singolo passaggio e cimentarvi nella compilazione dello Spesomtero 2014 vi invitiamo comunque a prendere visione del portale online dell’Agenzia delle Entrate, all’interno del quale (effettuando il percorso su esposto) potrete tranquillamente consultare i file contenenti le istruzioni e le FAQ; rammentiamo inoltre come l’attivazione dello Spesometro 2014 faccia parte integrante della lotta all’evasione fiscale annunciata dal governo Renzi ad inizio mandato (in combinato ad altri strumenti quali la Superanagrafe) e finalizzata a recuperare almeno una parte del gettito evaso.

Spesometro 2014: scadenze liquidatori IVA e operatori finanziari



Prima di chiudere la nostra trattazione relativa allo Spesometro 2014 vi rammentiamo le tre scadenze da dover tenere a mente, precisando come la prima (quella riguardante i soggetti che liquidano mensilmente l’IVA) sia già decorsa (era fissata al 10 aprile 2014).



La prossima deadline per l’invio dati connessi allo Spesometro 2014 è fissata al 22 aprile ed è indirizzata ai soggetti che liquidano l’IVA trimestralmente, mentre l’ultima, destinata agli operatori finanziari, decorrerà il 30 aprile 2014.



In chiusura un cenno sulla possibilità che venga concessa una proroga; sebbene amministrazione finanziaria e Agenzia delle Entrate in passato ci abbiano abituato a comunicazioni dell’ultimo momento, risulta ormai da escludere che in riferimento allo Spesometro 2014 si possa avere a che fare con un’ulteriore dilazione dei tempi. Vi terremo comunque aggiornati sulla cosa.



#Dichiarazione dei redditi