Ormai imminente la scadenza per la presentazione del #modello 730 e del modello Unico per la dichiarazione dei redditi, ma il governo potrebbe stupire tutti decretando una proroga, visto l'accumularsi di scadenze fiscali e il caos causato dall'introduzione della Tasi in questo 2014.

Vediamo le scadenze ancora in vigore ad oggi (seguendo le indicazioni dell'Agenzia delle Entrate) e, nel dettaglio, le motivazioni che fanno pensare ad uno slittamento della presentazione dei moduli.

Modello 730: la scadenza

Il modello 730 doveva essere presentato entro il 30 aprile al proprio datore di lavoro o ente pensionistico, oppure entro il 31 maggio a un Caf o a un intermediario abilitato.

Dopo questo passaggio, il datore di lavoro (o ente pensionistico) da una parte e il Caf (o intermediario) dall'altra devono consegnare al contribuente una copia della dichiarazione elaborata e il prospetto di liquidazione modello 730-3 (con indicazione di trattenute e rimborsi) entro, rispettivamente, il 31 maggio e il 17 giugno.

Modello Unico 2014: la scadenza

L'Unico 2014 persone fisiche è un modello unificato che permette di presentare più dichiarazioni fiscali. Secondo le indicazioni dell'Agenzia delle Entrate devono compilare la dichiarazione in forma unificata i contribuenti tenuti alla presentazione sia della dichiarazione dei redditi sia della dichiarazione Iva (escluse alcune categorie di contribuenti chiamati a presentare la dichiarazione Iva in forma autonoma).

Il modello Unico deve essere presentato, in via telematica, entro il 30 settembre.

I migliori video del giorno

Chi può presentare la dichiarazione ancora in forma cartacea presso gli uffici postali, deve farlo entro il 30 giugno.

Modello 730 e modello Unico: verso la proroga?

Ormai da tempo si ipotizza che il governo possa concedere una proroga sulla presentazione di 730 e Unico. le motivazioni? La coincidenza, in questo periodo, di molteplici scadenze fiscali, causa del sovraccarico dei centri di assistenza fiscale (CAF) e dei compiti dei professionisti abilitati, unita al ritardo nel rilascio del software Gerico per gli Studi di Settore, indispensabile per alcune dichiarazioni dei redditi.

A tutto questo si aggiunge il caos legislativo legato alla Tasi, tassa sui servizi indivisibili, per la quale moltissimi comuni non hanno ancora deliberato le aliquote su prima e seconda casa. A preannunciare la possibilità di una proroga per 730 e Unico è stato il sottosegretario al Ministero dell'Economia, Enrico Zanetti, ma per ora ancora nessuna conferma concreta.