Il 16 giugno si avvicina e ancora molti proprietari di casa non sanno se dovranno pagare o meno la Tasi 2014, quali cittadini saranno chiamati a pagare?

Al momento vi è un'unica certezza saranno chiamati a versare l'acconto della Tasi coloro che risiedono in un comune che ha deliberato le aliquote tasi 2014 entro il 23 maggio, gli altri comuni slitteranno il pagamento a settembre e/o ottobre.

Aliquote Tasi 2014, mappa dei capoluoghi che hanno deliberato

Ecco dove si dovrà pagare la tassa il prossimo 16 giugno: Aosta, Torino, Genova, Venezia, Bologna, Trento, Ancona, Napoli. A Torino si pagherà ma non in tutta la provincia, alcuni comuni limitrofi non hanno deliberato per tempo rinviando la scadenza a settembre.

Non tutti sono riusciti a stabilire l'aliquota dell' imposta sui servizi indivisibili, che ricordiamo comprende: illuminazione, manutenzioni stradali, polizia municipale entro venerdì 23 maggio 2014, creando così ulteriore caos.

I capoluoghi che non hanno pubblicato ufficialmente le delibere e dove quindi i proprietari non sono tenuti a pagare entro il 16 giugno sono Milano, Firenze, l'Aquila, Campobasso, Perugia, Roma, Bari, Potenza, Palermo e Catanzaro.

Dove si possono trovare le info per sapere se il proprio comune ha deliberato per tempo le aliquote tasi 2014 e quindi se si dovrà pagare il primo acconto pari al 50% entro il 16 giugno? Sarà sufficiente collegarsi al sito del Dipartimento della Finanze dove vi è un elenco completo dei comuni.

Tasi 2014, quanto e come si paga la tassa? Calcolatori online, conteggio manuale, F24 e bollettino postale

Quanto si dovrà pagare? Se non volete affidarvi ai Caf o agli intermediari abilitati, potrete provare con i calcolatori online, collegandosi al sito amministrazioni.comunali.it, oppure armarvi di calcolatrice ed eseguire alcuni passaggi base.

I migliori video del giorno

Si parte dalla rendita catastale e la si rivaluta per 5%, poi si moltiplica per un coefficiente fisso a seconda dell'immobile di cui si è proprietari ( per le abitazioni è pari a 160), dopodiché si moltiplica per l'aliquota fissata dal proprio comune di residenza e si sottraggono le detrazioni (che differiscono da comune a comune).

Come si dovrà pagare? La Tasi 2014 si può pagare attraverso Modello F24 o attraverso il bollettino postale.