Quello di oggi 16 giugno è un vero lunedì nero per i contribuenti italiani chiamati al pagamento di numerosi tributi: primo fra tutti la nuova e odiata Tasi, ma anche Imu, Tari, 730 oltre che la liquidazione dell'Iva del mese precedente. Ma andiamo per ordine con il dettaglio di ogni singolo pagamento.

La prima rata della Tasi scade in 2.181 Comuni italiani

La Tasi è la nuova tassa sui servizi indivisibili dei Comuni (quali ad esempio la pubblica illuminazione, la pulizia delle strade..) e va pagata da tutti i contribuenti proprietari di immobili, quindi anche della prima casa. La scadenza del 16 giugno è prevista nei 2.181 che hanno deliberato le aliquote del tributo entro il 23 maggio.

Per tutti gli altri il pagamento slitterà entro il 16 ottobre. In tutti i casi la seconda rata andrà pagata entro il 16 dicembre.

Il 16 giugno scade anche la Tari

Il molti comuni italiani è previsto anche il pagamento della prima rata della Tari, la tassa sui rifiuti. In questo caso dovrebbe arrivare il bollettino precompilato dal proprio municipio di residenza.

La prima rata dell'Imu scade in tutti i comuni

Resta invariata e fissata per il 16 giugno la scadenza della prima rata dell'Imu, limitata a tutti gli immobili diversi dalla prima casa (quindi anche negozi, uffici..). Il tributo va pagato anche nei municipi che non hanno deliberato le aliquote: faranno in questo caso fede quelle dell'anno precedente.

Scade la presentazione del Modello 730

Entro il 16 giugno deve essere presentato ai Caf o al proprio commercialista di fiducia il Modello 730. la trasmissione telematica del prospetto riepilogativo dovrà essere effettuata entro l'8 luglio.

I migliori video del giorno

Anche il versamento dell'Iva scade il 16 giugno

Il 16 giugno scade anche il termine della liquidazione dell'Iva relativa al mese precedente nonché il pagamento della relativa imposta, se dovuta.