Mancano ormai solo una manciata di giorni alla fatidica data di scadenza dell'acconto TASI 2014. La novità di quest'anno è che anche gli inquilini dovranno organizzarsi per il calcolo, la compilazione dei modelli e il pagamento del nuovo tributo sui servizi indivisibili offerti dal proprio Comune di residenza, come ad esempio la manutenzione del manto stradale e l'illuminazione pubblica. Vediamo insieme una guida completa su tutte le informazioni fondamentali da conoscere al riguardo.

Tasi 2014 per inquilini: rendite catastali e calcolo della base imponibile

Per prima cosa, sarà fondamentale reperire le rendite catastali dell'immobile.

Spesso vengono riportate all'interno del contratto di locazione, ma non è una prassi obbligatoria. Se non fossero indicate all'interno del contratto, è possibile richiederle direttamente al proprietario di casa, oppure reperirle consultando l'Agenzia delle Entrate o l'ufficio tributi del Comune in cui si risiede. Trovate le rendite catastali dell'immobile e delle relative pertinenze, sarà necessarie effettuare i seguenti passaggi:

  • sommarle tra di loro;
  • moltiplicare il risultato della somma per 105;
  • moltiplicare il nuovo risultato per 160.

A questo punto avrete individuato la base imponibile e potrete applicare le relative aliquote, sulla base di quanto deliberato localmente.

Tasi 2014: quanto dovrà pagare l'inquilino?

Riguardo l'effettivo importo del tributo, l'inquilino è tenuto a pagare una cifra che va dal 10% al 30% del totale a carico del proprietario.

I migliori video del giorno

A stabilire la percentuale esatta è l'assemblea comunale, pertanto per conoscere con precisione le aliquote bisognerà cercare all'interno del sito web della propria città la "delibera tasi 2014". Sempre all'interno dello stesso sito è normalmente disponibile il link al sistema Riscotel, che permette di calcolare l'importo complessivo del tributo in via automatica e di stampare il relativo F24 da utilizzare per il pagamento. Ricordiamo inoltre che salvo diverse disposizioni, il limite minimo di legge per gli inquilini corrisponde a 12 euro, sotto i quali l'imposta non è dovuta.

Tasi 2014: scadenze e modalità di pagamento per gli inquilini

Nella maggior parte dei casi il primo acconto Tasi 2014 dovrà essere versato entro il 16 ottobre 2014, mentre il secondo acconto scadrà al 16 dicembre. Solo in alcuni Comuni saldo e acconto saranno richiesti in un'unica soluzione. Il pagamento potrà essere effettuato tramite modello bancario F24 oppure usando il bollettino postale con c/p prestampato (richiedibile presso qualsiasi agenzia di poste italiane). E voi siete pronti ad effettuare il pagamento? Fateci sapere la vostra risposta con un commento all'articolo; se invece desiderate restare aggiornati sulle principali scadenze fiscali, potete utilizzare il tasto "segui" in alto a destra.