Dall'inizio del mese di ottobre, le quotazioni di benzina e gasolio sono scese significativamente, i cali registrati sono rispettivamente del 16 e 11 per cento. Questa flessione però non è stata assolutamente avvertita dagli automobilisti italiani: infatti la media del costo alla pompa sul servito è registrata a € 1,819 per la benzina ed € 1,713 per il gasolio. Il prezzo della verde è sceso meno del 2% ed ancor meno di quello del gasolio: in realtà gli automobilisti riescono a fare il pieno, spendendo un decimo in meno, ma solo arrangiandosi con il self service. Forse non tutti sanno che le accise, hanno ormai raggiunto il 60% del prezzo finale, provocando un sistema vizioso che induce alla diminuzione del consumo e di conseguenza al calo del gettito fiscale.

I sindacati che rappresentano i gestori dei distributori, avevano denunciato un aumento del +746% dal 2003 al 2013 provocando un inevitabile aumento da 13 euro a 98 euro per mille litri di carburante. Sul mercato del petrolio, è previsto un ulteriore calo del prezzo del greggio; infatti si prevede il costo del barile a 80 dollari, contro gli attuali 85, che già è un costo abbastanza basso. I petrolieri invece, lamentano un calo dei consumi che penalizza il gettito fiscale: si registra una diminuzione del 3% nel solo primo semestre del 2014, confrontando i dati nello stesso periodo dell'anno precedente. Questo significativo calo del consumo, ha fatto registrare una flessione di ben 227 milioni di euro nelle casse dell'erario, provocando una diminuzione della spesa complessiva pari a 1,17 miliardi.

In Germania a differenza dell'Italia, gli automobilisti sono più avvantaggiati, perché in territorio tedesco il prezzo dei listini ha un'oscillazione quotidiana: per questa ragione si possono registrare cali fino all'8%.

I migliori video del giorno

Da una statistica effettuata negli ultimi 12 mesi, è emerso che ai cittadini tedeschi, conviene comprare il carburante tra le ore 18,00 e le ore 20,00, in questa fascia oraria il costo è risultato decisamente inferiore rispetto alle ore mattutine. Le flessioni come detto, risultano essere abbastanza importanti, per questo la soluzione è semplice: basta rifornirsi nelle ore più convenienti, cosa che nel nostro paese non succederà mai. #prezzi benzina