Notizia non molto incoraggiante per i contribuenti italiani da parte di Bankitalia: infatti secondo l'ultimo bollettino pubblicato oggi dalla stessa, le notizie che giungono in materia di pressione fiscale sono davvero pessime per il nostro paese. La nota più importante è che in questo bollettino viene enunciata è l'aumento record della pressione fiscale che arriva alla cifra davvero sensazionale del 43,3% del Pil mai finora toccata nel nostro paese. Si tratta di una pressione fiscale mai raggiunta in Italia prima d'ora e che rappresenta un vero e proprio balzo in avanti rispetto a quanto accaduto nel biennio 2010/2011 quando invece la pressione era pari al 41,6 %.

Ancora più bassa, ben al di sotto del 40% era la pressione fiscale nel 2005, in quanto all'epoca, che ormai appare davvero lontana sotto molti punti di vista, la misura era pari al 29,1% del Pil. Pertanto il 2013 da questo punto di vista può essere considerato un vero anno record in quanto si è addirittura superata la pressione fiscale del 1997, anno in cui a causa dell'Eurotassa gli italiani pagarono il 42,3% del Pil e ciò in pratica avviene per il secondo anno consecutivo.

L'Italia pertanto considerando meramente il solo contesto dell'Unione Europea si issa fino alle più alte posizioni nella classifica dei paesi con la più alta pressione fiscale, purtroppo un primato non di certo invidiabile. Peggio di noi in questa speciale classifica fanno solamente la Finlandia col 44% del Pil, il Belgio con il 47,2% e la Francia con il 47,6.

I migliori video del giorno

Ma in assoluto il primato di paese più tassatore in Europa, primato che sicuramente noi italiani non invidiamo, spetta alla Danimarca dove questo valore tocca quota 48,8%. Posizione che sicuramente farà molto discutere e che mette in evidenza, se ancora ce ne fosse bisogno, degli evidenti problemi che il paese sta vivendo e sta tuttora attraversando. Senza che vengano messi in atto dei provvedimenti davvero efficaci difficilmente si potrà invertire la rotta e portare la pressione fiscale a livelli più accettabili per il nostro paese.