Con l’arrivo di gennaio è tempo di pensare al Canone Rai 2015: a quanto ammonta l’importo? Il costo dell’abbonamento tv è rimasto immutato rispetto all’anno scorso: è sfumata l’ipotesi dell’addebito in bolletta energetica circolata nelle ultime settimane del 2014. L’imposta sul possesso di un apparecchio televisivo ammonta quest’anno a 113,50 euro. Il governo conta di riorganizzare la normativa in materia radio televisiva, pertanto la situazione è stata "congelata" per quest'anno ed i progetti di riforma saranno valutati con calma. Andiamo a riepilogare le info relative alla disdetta, all’esenzione per gli anziani e redditi bassi, e alla regolamentazione per coloro i quali non hanno la televisione ma utilizzano computer e tablet per seguire le trasmissioni, usufruendo di una connessione ad internet.

Canone Rai 2015: esenzione anziani, info computer e tablet

L’esenzione dal pagamento del #Canone Rai 2015 vale per gli anziani con età pari o superiore a 75 anni. Non sono tenuti, poi, a fare il versamento i nuclei familiari il cui reddito non superi la somma di 6713,98 euro ed i militari, gli agenti diplomatici e consolari ed i rivenditori televisivi. Cosa succede per chi non ha la televisione ma guarda i programmi tramite internet, servendosi di un computer o di un tablet? La Rai dal proprio sito specifica che sono tenuti a pagare l’abbonamento tv soltanto coloro i quali hanno un apparecchio che riceva il segnale terrestre o satellitare. Per guardare la tv su internet, dunque, non si deve pagare nulla.

Disdetta Canone Rai 2015: come non pagare abbonamento tv

Abbiamo già specificato nel dettaglio come e quando è possibile effettuare la disdetta del Canone Rai.

I migliori video del giorno

Le ipotesi sono tre:

  • cessione di tutti gli apparecchi televisivi detenuti;
  • alienazione (furto, incendio o rottamazione) della tv;
  • suggellamento delle televisioni.

Per essere esentati completamente quest’anno la disdetta andava fatta entro il 31 dicembre 2014. In questo momento, dunque, si è obbligati a pagare almeno fino al 30 giugno 2015: presentando la domanda ora, infatti, si avrà diritto a non dover più versare l’abbonamento a partire dal primo luglio. Si suggerisce, in ogni caso, di visitare l’apposita sezione del sito della Rai per valutare al meglio la propria posizione, analizzando la conformità rispetto alla legge attualmente vigente.