Equitalia: come cancellare i debiti grazie al c.d. “fallimento del consumatore” previsto dalla legge n. 3/2012 . Il 28 gennaio 2015 è stato inoltre pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che definisce i criteri e le modalità affinché gli enti autorizzati possano gestire le crisi da sovra indebitamento.

Sebbene la legge sia entrata in vigore nel 2012, a causa del ritardo nella pubblicazione del decreto ministeriale che ha fissato i requisiti degli enti deputati a gestire tali procedure, in pochi erano a conoscenza della possibilità di presentare in tribunale un piano predisposto dal consumatore (mediante un avvocato di fiducia) per uscire dalla crisi, eliminando i debiti con una sorta di piano di rateizzazione.

Questo tipo di procedura di esdebitazione è prevista solo ed esclusivamente per le persone fisiche ( debitore/consumatore) non soggette alle procedure di fallimento, concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa o a legge fallimentare.

La novità rispetto alle procedure standard che prevedono una pluralità di creditori, è stata data con un decreto del 15.09.2014 del Tribunale di Bursto Arstizio che ha previsto la possibilità di attivare il procedimento di fallimento del debitore/consumatore anche se il creditore è soltanto uno: nel caso in esame si tratta dell’agente di riscossione Equitalia. Quindi, chi ha in sospeso una o più cartelle di pagamento con Equitalia (o altro ente della riscossione ad es. Soget) e non riesce a pagare perché si trova in uno stato di sovra indebitamento, ovvero in uno stato di impossibilità di adempiere alle obbligazioni contratte oppure di squilibrio tra i debiti contratti e l’effettiva liquidità del debitore, allora, per evitare il pignoramento di eventuali beni o del conto corrente o, ancora, dello stipendio, può avanzare una sorta di saldo e stralcio (un pagamento dimezzato di tutti i debiti) che, tuttavia, deve essere autorizzato dal giudice.

I migliori video del giorno

L’istanza deve essere depositata in Tribunale, allegando un piano di gestione che deve essere approvato poi dal Giudice: in caso di approvazione sarà vincolante anche per Equitalia (o altro agente della riscossione).