Gli oneri e le spese detraibili del modello 730 2015 (precompilato e non) per la #Dichiarazione dei redditi, vanno inserite nel Quadro E del modello dell'Agenzia delle Entrate. Queste danno diritto a una riduzione dell'imposta #Irpef da versare, o a una deduzione dal reddito. Le detrazioni sono le spese che fanno diminuire l'imposta, come ad esempio le spese mediche, mentre le deduzioni sono i costi volti alla riduzione del reddito. Oggi ci concentreremo su quelle che sono le spese detraibili.

Le detrazioni del modello 730-2015 per la dichiarazione dei redditi

Nella sezione I del #modello 730 2015, vanno inserite le spese per le quali spetta una detrazione 19% o del 26%, ovvero:

  • Spese sanitarie: si indica l'intero ammontare delle spese sanitarie personali e dei familiari a carico. La detrazione del 19% viene calcolata solo sulla somma che eccede 129,11 euro. Le spese devono essere certificate da fattura o scontrino fiscale.

  • Interessi passivi mutui: si indica l'intero ammontare pagato nel 2014 per interessi passivi, oneri accessori e quote di rivalutazione per mutui.

  • Spese di istruzione: si riferiscono a costi per corsi di istruzione secondaria di I e II grado, universitaria, perfezionamento o specializzazione universitaria.

  • Spese funebri: spese relative alla morte di familiari, anche non è a carico, co i limiti imposti dalla legge. L'importo non può superare 1.549,37 euro.

  • Spese per addetti all'assistenza personale: i soggetti non autosufficienti (che non riescono a mangiar soli e provvedere alle proprie esigenze fisiche e fisiologiche) hanno diritto a una detrazione fino a 2.100 euro se il reddito non supera i 40mila euro.

  • Spese attività sportive praticate da ragazzi: si riferisce ai costi per di iscrizione e abbonamento ad associazioni sportive, palestre, piscine ed strutture sportive, per i ragazzi di età compresa fra i 5 e 18 anni, per un massimo di 210,00 euro. È necessario che vi sia il documento comprovante l'esborso.

  • Spese studenti universitari: per un importo massimo di 2.633 euro, chi è iscritto a un corso di laurea in un ateneo che si trova in un Comune diverso da quello di residenza (distante almeno 100 Km) o in diversa provincia, può richiedere la detrazione per le spese di alloggio.

  • Erogazioni liberali : somme di denaro versate a favore di popolazioni bisognose tramite Onlus o altre organizzazioni internazionali.

  • Art-bonus: relative a somme di denaro versate liberalmente ma non comprese tra le erogazioni liberali a sostegno della cultura. La detrazione spetta per un importo che non può superare al 2% del reddito complessivo.