Tra meno di un mese, il 16 giugno, è prevista la scadenza della prima rata in acconto per l'Imu (Imposta Municipale Unica) e la Tasi (Tassa sui Servizi Indivisibili) 2015. Per effettuare il calcolo di quanto il contribuente dovrà pagare è necessario conoscere la rendita catastale dell'immobile rivalutata del 5 percento. Il risultato deve essere moltiplicato con il coefficiente dell'immobile interessato. Alla cifra ottenuta di devono applicare le aliquote deliberate da ogni Comune.

La Tasi (Tassa sui Servizi Indivisibili), se previsto, si devono applicare le detrazioni o esenzioni

Solo per la #Tasi, al risultato ottenuto devono essere sottratte eventuali detrazioni o esenzioni.

E' possibile usufruire del calcolatore di Imu e Tasi che si trova in rete su alcuni siti specializzati. Vediamo, di seguito, quali sono le aliquote e le eventuali detrazioni applicate in alcuni città italiane: Bologna, Milano e Genova.

Le aliquote Imu e Tasi per le città di Bologna e Milano

Le aliquote #imu, nella città di Bologna, sono state aumentate relativamente alle case in affitto a canone concordato; anche la Tasi ha avuto un aumento e passa dal 3,3 per mille al 4,3 per mille. A Milano, la Tasi sulla prima casa rimane al 2,5 per mille con alcune detrazioni che, rispetto allo scorso anno, non dovrebbero variare, con una forbice che va da 24 a 115 euro, a seconda della rendita catastale dell'immobile.

Qualche esempio di detrazioni relative alla città di Milano

Solo a titolo di esempio, sono previste 99 euro di detrazioni per quelle abitazioni che rientrano in una rendita catastale da 350,01 a 400 euro, mentre si applica una detrazione di 74 euro per tutte quelle abitazioni con una rendita compresa tra 450,01 a 500 euro.

I migliori video del giorno

Infine, nella città di Genova, la Tasi rimane invariata rispetto allo scorso anno al 3,3 per mille (è il massimo sulle prime case); invariata anche l'aliquota relativa all'Imu, al 10,6 per mille.

Altre notizie utili relative all'Imu e alla tasi 2015 sono riportate sui siti internet dei Comuni presi in considerazione.