Il 16 giugno è un data 'maledetta' per i contribuenti, che sono alle prese con tantissime scadenze fiscali. Entro questa giornata del 2015 vanno effettuati i versamenti di #Irpef (rilevati dalla dichiarazione dei redditi), Imu, Tasi e molto altro. I commercialisti sono sommersi da conteggi e spesso questa corsa contro il tempo rischia di far dimenticare qualcosa ed incorrere in sanzioni per il tardato pagamento. Facciamo quindi una panoramica delle principali scadenze della giornata del 16 giugno 2015, da tenere sott'occhio in caso di necessità.

Elenco scadenze fiscali del 16 giugno 2015

#imu: il 16 giugno 2015 è la data ultima per il versamento dell'acconto IMU per l'anno in corso.

I commercialisti dovrebbero fornire l'importo da versare qualche giorno prima (se non settimana).

IRPEF: scadono sia le addizionali comunali, che quelle regionali dell'Irpef. Sempre in questa data va effettuato il pagamento dell'Irpef che risulta dalla dichiarazione dei redditi 2015, anno d'imposta 2014. Il versamento può avvenire in una sola soluzione oppure essere rateizzato (in questo caso la scadenza del giorno 16 riguarda la prima rata). L'importo include sia il saldo 2014, che l'acconto per il 2015.

#Tasi: scade il versamento dell'acconto Tasi per l'anno 2015 (si è in attesa di eventuali proroghe).

INPS: vanno versati entro il 16 i contributi previdenziali relativi agli stipendi del mese scorso pagati ai lavoratori dipendenti.

IVA: bisogna versare l'Iva che si riferisce al mese di maggio più il saldo Iva del 2014 che risulta dalla dichiarazione Iva annuale.

I migliori video del giorno

Il versamento può avvenire in una sola soluzione oppure essere rateizzato (in questo caso la scadenza del giorno 16 riguarda la prima rata).

Studi di settore: per l'adeguamento degli studi di settore si versa una maggiorazione del 3 percento.

IVAFE e IVIE: versamento imposte sul valore di attività finanziarie o immobili detenuti all'estero .

IRES: versamento dell'Ires, comprese le relative addizionali.

Acconto del 20%: pagamento relativo ai redditi tassati separatamente.

IRAP: sempre il 16 giugno scade la possibilità di versare l'Irap che risulta dalla dichiarazione dei redditi (saldo 2014 + primo acconto 2015). Il versamento può avvenire in una sola soluzione oppure essere rateizzato (in questo caso la scadenza del 16 giugno riguarda la prima rata).