Continua la politica di sconti per le tasse sulla casa voluti dal #Governo Renzi. Dopo aver abolito #imu e #Tasi sulle prime case a partire dall'anno 2016, adesso si comincia a parlare di offrire agevolazioni anche sulle seconde case. Sconti non per tutti, è vero, ma che potrebbero sempre far comodo. Quelle di cui andremo a parlare adesso sono al momento soltanto delle proposte, ma hanno un'alta probabilità di passare come emendamenti alla Legge di Stabilità in quanto nelle ultime ore maggioranza ed opposizione hanno trovato l'accordo per farle passare. Dunque il voto dovrebbe essere solo una formalità. Andiamo a vedere che novità ci sono su Imu e Tasi seconde case.

Imu e Tasi seconde case: a chi spettano gli sconti

Se le proposte dovessero passare con il testo attuale, chi ospiterà un figlio o un altro parente di primo grado in una seconda casa otterrà l'esenzione totale dalla Tasi, per l'Imu è invece tutto ancora in discussione. È il classico esempio del padre di famiglia che ospita gratuitamente in una seconda casa il figlio che si è appena sposato: il padre resta proprietario dell'immobile ma il figlio vi mette la residenza. La legge prevede che la Tasi non si paga soltanto se si rispettano i seguenti requisiti:

  • chi vi abita deve averci messo la residenza
  • il residente deve avere un grado di parentela di primo livello, dunque non solo un figlio ma anche un fratello/sorella o un genitore anziano per esempio
  • l'immobile esente dalle tasse è solo uno, dunque se un genitore compra la casa a due figli, solo su una delle abitazioni otterrà l'esenzione dalla Tasi.

Per quanto riguarda l'Imu invece, l'esenzione prevista è del 25% per i proprietari di una seconda casa affittata a canone concordato.

I migliori video del giorno

Si tratta di un modo per far emergere gli affitti in nero ed anche un metodo per agevolare gli affittuari.

Infine l'esenzione sulla prima casa varrà anche nel caso dei separati il cui coniuge resta a vivere nell'abitazione mentre il proprietario va a vivere in affitto altrove. Stesso discorso se la casa viene data in comodato d'uso ai figli. Confermata anche la richiesta di abolire la Tasi per gli affittuari che registrano l'immobile come loro prima casa (sempre che non abbiano altre case di proprietà). Anche questa proposta è in via di approvazione.