A partire dall'anno 2016 le spese sanitarie da inserire nel #modello 730 precompilato per la #Dichiarazione dei redditi saranno trasmesse in automatico all'#agenzia delle entrate. La procedura digitale si divide in tre passaggi:

  1. il soggetto che eroga il servizio sanitario (farmacia, medico, ambulatorio, ospedale) invia al sistema tessera sanitaria i dati degli utenti e delle spese sostenute per le prestazioni o gli acquisti. La data per l'invio dei dati, prevista inizialmente al 31 gennaio, è stata prorogata al 9 febbraio 2016;

  2. l’Agenzia delle Entrate invia al Ministero dell'Economia e delle Finanze i codici fiscali di ogni contribuente per cui verrà formulata il 730 precompilato;

  3. il Mef rende disponibili i dati ricevuti relativi alle spese mediche, in forma aggregata.

I dati delle spese sanitarie automaticamente nel 730 precompilato 2016

I dati inseriti automaticamente nel 730 precompilato 2016 in merito alle spese sanitarie, saranno quelli resi disponibili dal 'Sistema tessera sanitaria', ovvero: codice fiscale del contribuente a cui si riferisce la spesa (potrebbe essere anche il familiare a carico); denominazione e codice fisc.

(oppure partita Iva) del soggetto erogante la prestazione; tipo di spesa; data del documento; importo e data della spesa o dell'eventuale rimborso.

Opporsi al trasferimento dei dati nel modello 730 precompilato 2016

Dato che senza il consenso (che è presunto) del contribuente, questo passaggio di dati costituisce una violazione della privacy, il cittadino ha la facoltà di fare opposizione entro il mese di febbraio e richiedere la cancellazione delle spese dal 'Sistema tessera sanitaria'. Anche i dati che non hanno niente a che vedere col 730 precompilato verranno cancellati automaticamente. Solo per le spese sanitarie sostenute nel 2015, il contribuente può da ottobre 2015 al 31 gennaio 2016, opporsi al fatto che i propri dati di una o più tipologie di spesa siano disponibili all'Agenzia delle Entrate.

I migliori video del giorno

Dovrà comunicare all'Agenzia il tipo di spesa da escludere, i dati anagrafici, quelli della tessera sanitaria e il codice fiscale, tutti da allegare all’apposito modello.

La richiesta di esclusione potrà avvenire:

  • online, tramite e-mail all’indirizzo pubblicato sul sito dell’Agenzia;

  • per telefono, al numero 848.800.444 da fisso, 06.9666.8907 da mobile;

  • presso un ufficio territoriale delle Entrate, presentando la richiesta di opposizione in modello cartaceo.