Come molti sapranno già, è stato pubblicato ufficialmente sul portale dell'Agenzia delle Entrate il modulo di autocertificazione necessario per richiedere l'esenzione o l'esonero dal pagamento del Canone Rai 2016, tassa che a partire da tale annata verrà addebitata direttamente nelle bollette della luce e che verrà dunque inviata a tutti i cittadini con un utenza attiva. Prima di scoprire però quelli che sono i requisiti e le scadenze per richiedere l'annullamento del pagamento, è bene evidenziare come la compilazione della documentazione necessaria sia un dovere del cittadino che, in caso di dichiarazioni false, rischierebbe da Legge un periodo di reclusione con durata variabile da 8 mesi a 4 anni.

Chi non paga il Canone Rai? Ecco i requisiti minimi e le modalità di presentazione della domanda

Tutti coloro che fossero in possesso dei requisiti per richiedere l'esonero del pagamento del Canone Rai 2016 non avranno molto tempo per presentare l'autocertificazione visto che i documenti potranno essere inviati manualmente entro il 30 aprile (indirizzo ed indicazioni specificate negli stessi documenti) o online non oltre il 10/5/2016. Per coloro che inviassero la richiesta in ritardo entro la fine del mese di giugno prevista una detrazione parziale del 50% sulla somma dovuta. Per richiedere l'esenzione o l'esonero sarà necessario possedere alcuni importanti ed imprescindibili requisiti: non possedere una televisione nell'abitazione relativa all'utenza di fornitura elettrica associata o rispettare alcuni criteri anagrafici e reddituali.

I migliori video del giorno

Tutti i cittadini italiani che avessero un'età superiore ai 75 anni e che possedessero un reddito massimo di 8.000 euro nel precedente anno d'imposta (considerato congiuntamente a quello del coniuge) non dovranno infatti pagare alcuna somma. Si ricorda infine che per tutti coloro che avessero dubbi o domande relative al pagamento del Canone Rai 2016 siano disponibili gli operatori al numero verde 800938362 o tramite il portale web prontorai.it.