Con ieri si è dato il via ad uno dei momenti fiscali più frenetici dell'anno, che riguarda dipendenti, pensionati e tutti coloro che devono procedere alla Dichiarazione dei redditi, che quest'anno con la novità del modello 730 pre-compilato, si arrichisce di dati già compresi in automatico nella dichiarazione, che sono però da verificare. Per adempiere a tale obbligo, bisogna dotarsi di una serie di documenti e ricevute, che è possibile scaricare, quali? 

Documenti da includere alla dichiarazione

I documenti che vanno esibiti e tenuti nel fascicolo della pratica (anche se si procede autonomante con l'invio telematico) sono: 

- fotocopia tessera sanitaria (propria e dei familiari a carico), e per ciascuno la fotocopia della carta d'indentità;

- copia modello 730 dell'anno passato, ultimo cedolino di stipendio del 2016;

- eventuali deleghe di pagamento degli acconti Irpef;

- modello CU 2016 e/o certificazioni Inps, Inail, Casse edili, ecc;

- documenti riguardanti immobili e attività finanziarie all’estero e/o di fabbricati o terreni posseduti in Italia,  ove necessari, atto di vendita o di acquisto di essi e relative visure catastali aggiornate di variazioni;

- contratti di locazioni e deleghe del pagamento dell’acconto e del saldo IMU.

Ma quali sono per la dichiarazione del 2016 le spese detraibili e deducibili?  Vediamole in dettaglio. 

Spese mediche. Tutte le spese sanitarie sono detraibili dagli scontrini della farmacia, alle ricevute per visite ed esami di laboratorio, radiografie ecc.,  compresi ricoveri e interventi chirurgici. Le fatture di occhiali e lenti da vista, di apparecchiature per i deficit uditivi e le spese sostenute da portatori di handicap (inclusi acquisto di veicoli e di cani guida). Le ricevute possono riguardare anche spese mediche rateizzate in anni passati.

Spese casa, contributi da detrarre

Spese per la casa. Riguardo all'abitazione possono essere scaricati: gli interessi passivi di mutui ipotecari sulla prima casa e sugli altri immobili, le spese per il recupero edilizio, di restauro e per il risparmio energetico, quelle fatte sull'involucro degli edifici, per la climatizzazione, i pannelli solari, per la sostituziome di vecchi frigoriferi, congelatori e motori ad elevata efficienza.

I migliori video del giorno

Altre spese detraibili. Si possono portare in detrazione anche le assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni, di invalidità permanenti, fondi pensione integrativi. I contributi pagati possono essere detratti sia che si tratti di contributi volontari, che quelli per il personale domestico (colf) e  l'INAIL per le casalinghe.

Spese divorzio e per i figli a carico. Sono detraibili anche gli assegni corrisposti al coniuge, eccezione fatta per la quota di mantenimento per i figli. Inoltre, si possono detrarre anche le ricevute di tasse scolastiche (quelle universitarie dovrebbero comparire in automatico nel pre-compilato),  spese sostenute per locazioni abitative di studenti fuori sede e per gli affitti di cui alla legge 431/98, le somme spese per gli asili nido, le spese veterinarie e quelle funebri. 

Le somme spese per gli addetti all’assistenza personale, nei casi di non autosufficienza e le erogazioni ad associazioni sportive dilettantistiche, ad associazioni o ad enti religiosi e non e a partiti politici.

Se volete avere altre notizie sulla dichiarazione dei redditi 2016, non perdetevi le prossime news e volendo potete cliccare anche sul tasto segui.