Ancora tasse, ancora debiti, ancora Equitalia. La società di riscossione per contro dello Stato, sta per varare un'alternativa per chi ha debiti in pendenza, che non superino l'importo complessivo di 50.000 euro. A farlo sapere è l'amministratore delegato di Equitalia, Ernesto Maria Ruffini, il quale annuncia la che verrà inserita una modalità di rateizzazione del debito con Equitalia e che la stessa sia già attualmente in sperimentazione già in tre città Italiane: Varese, Firenze e Lecce. L'obiettivo quindi, è quello di trovare una soluzione con i vari debitori, che non si trovino nelle condizioni di pagare la cartella esattoriale.

In questo mondo di rate

Anche la Società di riscossione più odiata dagli Italiani, scende a compromessi pur di farsi sanare i debiti.

Annunciato quindi, l'inserimento della cartella esattoriale da pagare a rate. Nello specifico, sarà possibile effettuare il pagamento di una cartella esattoriale di importo massimo fino a 50.000 euro, con delle rate da 50,00 euro circa. secondo quanto spiegato dall'Amministratore Delegato attraverso un'intervista per il Messaggero, la proposta per pagare a rate il debito con Equitalia, sarà inserita direttamente nella comunicazione che riceveranno i debitori. Pertanto non ci saranno ulteriori richieste o istanze da presentare presso la società di riscossione, evitando ulteriore burocrazia.

Anche Equitalia ha un cuore

L'Amministratore Delegato annuncia anche la scomparsa delle società Equitalia Nord, Centro e Sud, per i quali i compiti espletati verranno assorbiti da Equitalia Servizi di riscossione per tutto il territorio nazionale.

I migliori video del giorno

Ernesto Maria Ruffini attraverso l'intervista rilasciata per il Messaggero, riferisce: "Non è di certo un piacere ricevere una cartella esattoriale, però avere già una soluzione a portata di mano come questa che stiamo sperimentando, è già un vantaggio per chi deve preoccuparsi di sanare un debito", aggiungendo: " Sarà possibile scegliere anche la domiciliazione bancaria, a volte non si pagano le rate per dimenticanza".