Da gennaio del prossimo anno sarà prevista una diminuzione dell'importo del #Canone Rai. Questo è ciò che prevede il disegno di legge di Bilancio 2017, discusso e approvato dal Consiglio dei Ministri. Se nel 2016 si è passati da 113,50 euro a 100, nel 2017 vi sarà un'ulteriore riduzione del 10%, arrivando così a 90 euro, cifra che comprende anche l'Iva e la tassa di concessione governativa.

La modalità di pagamento rimarrà sempre la stessa: la quota sarà addebitata sulle fatture dell'energia elettrica e ripartita in 10 rate da 9 euro ciascuna (oppure 5 rate da 18 euro in caso di bolletta bimestrale). Il pagamento avverrà nell'arco di 10 mesi, da gennaio a ottobre 2017.

I pensionati (compresi i titolari di prestazioni assistenziali, come la pensione di invalidità civile e l'assegno sociale) che abbiano percepito nell'anno precedente un reddito inferiore ai 18.000 euro, hanno la possibilità di richiedere al proprio ente pensionistico la rateizzazione del canone Rai attraverso addebito sulla propria pensione. 

Canone Rai 2017: chi deve pagare e chi è esente

Lo Stato presuppone che tutti gli intestatari di un'utenza elettrica siano in possesso di un apparecchio televisivo e che pertanto siano obbligati a pagare il canone Rai. Sono esonerati dal pagamento, invece, i diplomatici, i militari stranieri, i contribuenti di età superiore ai 75 anni che vivano da soli o o con il coniuge e che abbiano un reddito inferiore ai 6713,98 euro, ed infine i titolari di un'utenza elettrica che non siano in possesso di un apparecchio televisivo.

I migliori video del giorno

Per aver diritto all'esenzione sarà necessario fare richiesta all'Agenzia delle Entrate, inviando, tramite internet o con raccomandata a/r, il modello di autocertificazione presente sul sito dell'ente. L'invio della documentazione dovrà avvenire entro il 31 gennaio 2017. Se, invece, la richiesta verrà effettuata tra l'1 febbraio e il 30 giugno, l'esonero dal pagamento del canone Rai sarà valido soltanto per il secondo semestre. Tale richiesta dovrà essere fatta ogni anno, finché vi saranno i requisiti per essere esonerati dal pagamento del canone.